Un 2016 all’insegna della specializzazione alimentare

Apr 5th, 2016 | Di Altri | Categoria: Breaking News


Da uno studio BCG dedicato ai Millennials emerge come le nuove generazioni abbiano una propensione doppia rispetto a quella dei genitori al consumo di cibo biologico e di come il “mangiare sano” e il “consumare consapevolmente” si stiano rafforzando sempre più come stili di vita. Il riflesso è nella diffusione di scelte alimentari come il vegetarianesimo e il veganesimo.

Il risultato di questo trend è nella crescita di segmenti come il biologico che, in alcuni retailer, ha raggiunto vette del 20% nel solo 2015. Un’ulteriore tendenza in questo ambito e un’eredità che ha lasciato Expo è stata proprio quella di riportare l’attenzione su tutto il concetto di sostenibilità e qualità di un prodotto, dalla filiera al giusto prezzo.

La rilevanza di questi fenomeni è confermata dalla proliferazione di modelli di retailer verticali, finalizzati alla diffusione di abitudini alimentari sane, attenti alla qualità e alla sostenibilità del prodotto e finalizzati a soddisfare le esigenze di questo segmento di consumatori. Il risultato è una dinamica dei clienti che hanno in parte spostato la loro attenzione dalla promozionalità spinta alla tutela della qualità del prodotto e alla trasparenza dalla produzione al prezzo.

Related posts:

  1. Fondazione banco alimentare e Banca Esperia danno il via al fondo “DUEMME BANCO ALIMENTARE”.
  2. Da Sony una ventata di novità grazie ai nuovi prodotti Audio e Video all’insegna della contaminazione di stili e tendenze
  3. Export alimentare italiano, obbiettivo da 50 miliardi di euro
  4. La Francia contro lo spreco alimentare