+99000 dipendendi fissi a gennaio, grazie alle imprese

Mar 1st, 2016 | Di Altri | Categoria: Breaking News


A gennaio i dipendenti a tempo indeterminato crescono di 99.000 unità su dicembre e di 426.000 su gennaio 2015.

Lo rileva l’Istat spiegando che la stima degli occupati cresce nel complesso di 70.000 unità su dicembre 2015 (+0,3%) e di 299.000 su gennaio 2015 (+1,3%). La crescita sul mese è determinata dai dipendenti permanenti (+99 mila) mentre calano i dipendenti a termine (-28 mila) e gli indipendenti restano stabili. Gennaio è il primo mese di sgravio contributivo al 40% dopo un anno di esonero totale per le assunzioni stabili.

Il tasso di disoccupazione a gennaio è pari all’11,5%, pressoché stabile sia rispetto a dicembre che ai quattro mesi precedenti. Lo rileva l’Istat nelle stime, aggiungendo che a confronto con l’anno passato si regista un calo di 0,7 punti percentuali

Disoccupazione giovani gennaio risale a 39,3% - Il tasso di disoccupazione giovanile (15-24 anni) a gennaio risale, portandosi al 39,3%, il valore più alto dall’ottobre scorso. Lo rileva l’Istat nelle stime, segnando un aumento di 0,7 punti percentuali su base mensile, mentre nel confronto annuo il tasso risulta in discesa (-1,6 punti)

+359.000 occupati over 50, +9.000 under 35 - Gli occupati crescono di fatto esclusivamente tra gli over 50. A gennaio 2016 - segnala l’Istat - gli occupati con più di 50 anni sono cresciuti di 359.000 unità rispetto a gennaio 2015 (+73.000 su dicembre) mentre gli inattivi sono diminuiti di 106.000 unità (-209.000 gli inattivi tra i 50 e i 64 anni soprattutto a causa della stretta sull’età pensionabile).

Nella fascia con meno di 35 anni gli occupati sono aumentati a gennaio di appena 9.000 unità rispetto a gennaio 2015 (-7.000 gli under 24, +16.000 tra i 25 e i 34 anni). Rispetto a dicembre gli occupati con meno di 24 anni sono diminuiti di 31.000 unità mentre sono aumentati di 8.000 unità coloro che hanno tra i 25 e i 34 anni. Nel complesso gli occupati a gennaio sono aumentati di 70.000 unità su base mensile e di 299.000 su base annua.
via http://www.ansa.it/

Related posts:

  1. L’industria vola, top dal 2011
  2. eDreams stila la classifica delle 25 migliori compagnie aeree del mondo grazie alle recensioni dei propri utenti
  3. Su le vendite al dettaglio
  4. Video online +21%, in Italia 8 milirdi quelli visualizzati a gennaio