Aquila l’aereo di Facebook ha completato il primo test di volo per portare Internet a 1,6 miliardi di persone che vivono in località remote

Lug 22nd, 2016 | Di Altri | Categoria: Breaking News


Facebook ha annunciato il successo della prima prova di volo di Aquila, l’aereo solare ad alta quota e con lunga autonomia ideato per portare Internet a 1.6 miliardi di persone che oggi vivono in località remote senza accesso alle reti mobili a banda larga.

L’accesso ad Internet può offrire a tutti esperienze ed opportunità di cambiamento di vita, ma ad oggi ci sono ancora 4 miliardi di persone senza

Come parte dell’impegno di Facebook in Internet.org, Facebook ha creato il Connectivity Lab, per costruire nuove tecnologie, tra cui aerei, satelliti e sistemi di comunicazione wireless, con lo scopo finale di portare Internet nelle zone più remote del pianeta.

Il volo di Aquila rappresenta una tappa importante per Connectivity Lab: infatti, è stato il primo di una serie di test chiamati “controlli funzionali”, pensati per verificare i modelli operativi e la struttura complessiva di Aquila.

Durante il volo a bassa quota, l’aereo solare è rimasto in quota per 96 minuti (più del triplo del tempo rispetto al minimo previsto per questa missione) permettendo a Facebook di raccogliere dati preziosi per migliorare i progetti su cui sta lavorando. Alla quota di crociera di 2.150 piedi, Aquila ha consumato solo 2.000 watt di potenza, tanto quanto un asciugacapelli o un forno a microonde.

Maggiori dettagli relativi al volo di prova, foto e video sono disponibili al seguente link:

http://newsroom.fb.com/news/2016/07/aquilas-first-flight-a-big-milestone-toward-connecting-billions-of-people/

Olga De Franceschi
Ufficio Stampa Facebook
olga.defranceschi@mslgroup.com

Related posts:

  1. Giusy Versace “Aquila” del Carnevale di Venezia
  2. Akamai pubblica il rapporto sullo stato di internet relativo al primo trimestre 2014
  3. Fabio Volo: “Untraditional”, debutta sul canale nove
  4. Contro la discriminazione, per i diritti delle persone con disabilità