Per il Ccvd “È tutta un’altra storia”: due i filoni di contro-narrazione scelti: “No! Si chiama violenza” e “Niente giustifica la violenza”

Nov 25th, 2017 | Di Altri | Categoria: Comunicazione In Progress


La campagna scelta per la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne “È tutta un’altra storia” punta il dito contro le scusanti addotte da chi esercita una violenza ingiustificata e ancora troppo spesso accettata. La risposta del manifesto è univoca: “No! Si chiama violenza”.

La campagna è stata ideata dal Coordinamento contro la violenza sulle donne (Ccvd) di cui la Città di Torino è parte, grazie a un processo partecipativo che ha coinvolto i soggetti privati e pubblici che sul territorio cittadino e metropolitano ogni giorno si occupano di prevenzione e contrasto alla violenza sulle donne.

Un messaggio frutto di un processo collegiale e partecipativo, che raccoglie le esperienze e le esigenze di chi tutti i giorni opera per contrastare tali soprusi e racconta l’esperienza delle donne che subiscono violenza.

Gli obiettivi della campagna sono informare le donne e le persone tutte, nonché dare visibilità e riconoscimento al lavoro svolto sul campo dalle persone che offrono la loro collaborazione con impegno e passione, con i loro saperi, sostenendo le donne che ogni giorno si rivolgono alle associazioni e enti che fanno parte del Ccvd o ad altri centri di ascolto e associazioni presenti sul territorio per chiedere aiuto.

La campagna con i suoi temi sarà contenitore di una programmazione condivisa di iniziative organizzate da parte dei soggetti che compongono il Ccvd e che hanno voluto inserire la loro iniziativa anche sotto il cappello dello slogan “È tutta un’altra storia“, per la decostruzione degli stereotipi di genere.

Il programma è coordinato dalla Città di Torino. Due i filoni di contro-narrazione scelti: “No! Si chiama violenza” e “Niente giustifica la violenza”. I due filoni saranno resi a livello grafico su due materiali differenti, una cartolina e un pieghevole. Si è quindi scelto di partire dalle narrazioni maggiormente veicolate dalla stampa e dalla televisione per ribaltarle e offrire un altro punto di vista: quello delle donne.

Related posts:

  1. Zonta Club di Torino, contro la violenza sulle donne, colora di arancione l’acqua della fontana di piazza Cin
  2. Un “Posto occupato” all’ospedale Mauriziano di Torino contro la violenza sulle donne
  3. Sedici giorni di attivismo: la campagna Onu contro la violenza sulle donne
  4. Milano va di guerrilla contro la violenza sulle donne: Palazzo Marino arancione, panchine rosse, posto occupato e muro delle bambole