Il cibo come veicolo di emozioni e mezzo di contatto

Feb 5th, 2016 | Di Altri | Categoria: Sociologia&Psicologia


Sono ancora negli occhi le luci dell’Albero della Vita e del Padiglione Italia con la sua chioma alta rivolta al futuro. Se Expo 2015 ha chiuso i battenti, rimangono nell’aria languori e fragranze di piatti provenienti da ogni parte del mondo, sperimentazioni esotiche e cibi nutrienti per appetito e anima.

“Il buon cibo è il fondamento della vera felicità”, sosteneva non a caso il re dei cuochi francesi Auguste Escoffier. Lo possono confermare alla Lega del Filo d’Oro, che da oltre 50 anni assiste e riabilita i sordociechi e i pluriminorati psicosensoriali. Qui, infatti, il buon cibo assume connotazioni ancora più importanti del solito e diventa un prezioso mezzo di comunicazione, un ulteriore strumento a disposizione degli educatori per aiutare le persone sordocieche a uscire dall’isolamento.

Chi non vede, non sente e non può parlare rischia di rimanere chiuso nel suo buio silenzioso. Ma ecco che il gusto offre un canale aggiuntivo, attraverso cui poter conoscere il mondo esterno e con il mondo esterno relazionarsi.

Il cibo veicola emozioni ed è ormai sempre più protagonista in ogni ambito della quotidianità di tutti noi, in qualsiasi momento e in qualsiasi luogo. Ecco che allora i sapori da scoprire e da riconoscere diventano parte integrante del percorso riabilitativo degli ospiti della Lega del Filo d’Oro, educati delicatamente al gusto e alla corretta nutrizione.

Gli specialisti si concentrano sia sulla rieducazione alla masticazione e alla deglutizione che sull’esperienza sensoriale che il gusto è in grado di suscitare, fattore di stimolazione che viene allenato e permette di vincere paure e ritrosia. Il ventaglio di sapori a cui un ragazzo è abituato è gradualmente ampliato. Anche l’olfatto è spronato al progressivo riconoscimento degli odori culinari, come pure il tatto, per distinguere temperatura, consistenza e dimensione dei pezzi di ogni vivanda.

Fonte: www.panorama.it

Foto: legadelfilodoro.it

Related posts:

  1. Cibo come medicina: gli italiani sono sempre più salutisti e attenti al cibo che consumano secondo Nielsen
  2. Cibo: le nuove (e strane) tendenze del 2017
  3. WeFood, il primo ristorante che vende cibo “scaduto”
  4. Parte il “Giro del Buon Gusto” di Rovagnati