Si conclude la 51° edizione di Smau tra open innovation, digitale ed Expo 2015

Ott 31st, 2014 | Di Altri | Categoria: Fiere


Si è conclusa la 51^ edizione di Smau che, in tre giorni ha visto riuniti il mondo delle imprese, dei fornitori di tecnologie digitali e delle pubbliche amministrazioni nazionali e locali per portare avanti strategie comuni per il rinnovamento e la crescita del Paese che pongano le basi sugli attori che hanno un ruolo centrale nel nostro sistema produttivo: le Piccole e Medie Imprese, le Regioni e le pubbliche amministrazioni del territorio e le startup e che vedono le tecnologie digitali trasversali a tutti i processi di rinnovamento.

Imprenditori e manager in visita in questi tre giorni hanno incontrato le 200 startup e centri di ricerca, hanno assistito agli oltre 300 workshop in programma e hanno potuto scoprire le 500 novità tecnologiche dei principali protagonisti del settore tra cui Aruba, Avaya, Cloud Italia Telecomunicazioni, Dell, Edisoftware, Fujitsu, Huawei, Microsoft, Salesforce.com, SAP, SAS, TeamSystem, Telecom Italia, Vodafone, Wacom, Zucchetti. Numerose le realtà premiate nell’arco dei tre giorni, 41 in totale: dalle 11 realtà vincitrici del Premio Smart City, alle 6 del Premio e-Government premiati ieri, e poi, ancora 13 vincitori dei Mob App Award. 8 aziende hanno ricevuto il Premio Innovazione ICT e 3 startup il Premio Lamarck.

La terza giornata di evento ha puntato l’attenzione sul tema dell’Open Innovation e sulle eccellenze italiane. Ed è proprio Pierantonio Macola, Amministratore Delegato di Smau a spiegare il valore dell’Open Innovation per le imprese italiane: “Le startup sono il miglior ‘ponte’ tra le imprese e il sistema della ricerca universitaria. Tra questi due mondi – startup e imprese- può avvenire un matrimonio perfetto in quanto le prime hanno bisogno di ‘completarsi’ agganciando il mercato, mentre le nostre imprese hanno bisogno di vincere nuove sfide con una innovazione rapida, pronta all’uso che può provenire proprio dalle nuove realtà imprenditoriali. Intorno a loro c’è un intero ecosistema dell’innovazione fatto di acceleratori e incubatori che possono operare proprio come un reparto ricerca e sviluppo esterno all’impresa. Tutte queste realtà danno vita a un formidabile mercato dell’innovazione in grado di rispondere in maniera moderna a qualsiasi esigenza di innovazione, ricerca e sviluppo del nostro sistema economico, PMI in primis.”

Anche Giuliano Noci, Prorettore per la Cina del Politecnico di Milano ha sottolineato come “Le startup rappresentano un ponte formidabile verso il futuro e un esempio tangibile della dinamicità e della creatività del nostro Paese ed è per questo che è necessario che vengano valorizzate quali esempi di eccellenza del nostro Made in Italy e portate in giro per il mondo. Expo 2015 sarà un ‘occasione importante l’intero ecosistema dell’innovazione, startup in primis, per conquistare nuovi mercati, ad iniziare dalle decine di delegazioni B2B attese.”

L’ultima giornata è iniziata, alle ore 10 con i Mob App Awards, il premio realizzato da Smau, e dagli Osservatori della School of Management del Politecnico di Milano che ha consegnato un riconoscimento alle migliori app, consumer e business. La giornata è proseguita alle ore 12 con l’evento di Italia Startup “L’ecosistema delle startup hi – tech in Italia: gli attori, la mappa, gli investimenti e le Exit”, che ha presentato i dati del secondo Osservatorio Italia Startup-Osservatori Politecnico di Milano, in collaborazione con Smau e Cerved Group, sull’ecosistema startup italiano e ha sottolineato come le startup innovative siano più che raddoppiate nell’ultimo anno (da 1227 nel 2013 a 2716 nel 2014, mentre quelle finanziate sono cresciute del 74%.A conclusione dell’evento si è tenuta la consegna del Premio Nazionale Innovazione ICT e del Premio Lamarck: due premi in un unico evento che ha visto riunite le più innovative imprese mature che hanno sviluppato progetti di successo di utilizzo delle tecnologie digitali e le startup innovative, che hanno, invece, ricevuto il Premio Lamarck. Al premio è intervenuto Alessandro Zucchetti, Presidente di Zucchetti e Mauro Parolini, Assessore al Commercio e Turismo di Regione Lombardia, il quale, ha dichiarato: “Smau si conferma il più importante appuntamento per le imprese del digital, qui si fa innovazione, si presentano applicazioni che permettono alle aziende di fare meglio il proprio lavoro, rendendo più semplici ed economici i processi produttivi e i rapporti con la clientela. Molta attenzione ai giovani e alle startup, realtà su cui anche Regione Lombardia sta investendo molto in quanto rappresentano una risorsa anche per aziende medie e grandi, soprattutto in termini di ricerca e innovazione”. Dopo l’edizione milanese conclusa oggi, Smau tornerà a fare tappa nelle principali città d’Italia con il suo Roadshow. A novembre arriverà per la prima volta in Calabria, a Dicembre a Napoli per poi continuare nel 2015 a Bari, Roma, Padova, Torino, Bologna e Firenze e approdare per la prima volta in Europa, a Berlino.

Related posts:

  1. Lo Smau Live Show debutta al Microsoft Forum per raccontare i segreti del digitale italiano
  2. UK-Italy Business Awards: guarda all’Expo la nuova edizione 2015
  3. Il Club del Marketing e della Comunicazione a SMAU Torino 2016 - Stand B1 - Pad 1 - Giov 30 Giugno e Ven 1 Luglio
  4. Verso Expo con l’open day WiGreen