Crescono imprese e prodotti per animali domestici

Mar 16th, 2016 | Di Altri | Categoria: Imprese e Mercati


“Fido” conta molto di più per gli italiani del parrucchiere o l’estetista. Secondo una ricerca della Camera di Commercio di Monza e Brianza, si spende molto di più per gli amici a quattro zampe che per il proprio benessere.

In particolare, un gatto arriva a costare in media 430 euro a famiglia e con un cane si sale a 800 euro. Diverso il budget dedicato al benessere, che si ferma sotto la soglia di 800 euro. Un trend che le imprese hanno capito, tanto che quelle dedicate agli animali domestici si sono moltiplicate del 20% nell’ultimo quinquennio, a fronte del solo +2,7% dei servizi alla persona.

“Cresce il sistema delle imprese legate alla cura e ai servizi che riguardano gli amici a quattro zampe. In 5 anni le imprese per i ‘pet’ (tra commercio al dettaglio di animali domestici, produzione di alimentazione per animali da compagnia, servizi veterinari e di cura) sono aumentate in Italia del 20%, crescita ben più elevata del +2,7% registrato nel medesimo arco di tempo per le imprese attive nei servizi alla persona (parrucchieri, estetisti e istituti di bellezza)”, annota infatti la Camera di commercio brianzola a partire dai dati dei Registri delle imprese.

“A crescere di più tra l’altro il settore connesso alla cura degli animali, tra toelettature e altre attenzioni dedicate agli animali di casa (+44,7%). Lombardia e Lazio detengono il primato per numero di imprese attive nell’ambito degli amici a quattro zampe con rispettivamente 1.134 e 1.117 attività”.

Related posts:

  1. Maggior spesa degli italiani per “Fido” che per il proprio benessere
  2. Crescono le nuove piccole imprese di immigrati extra UE nei comparti servizi, artiginato, commercio: 100.000 in più in 5 anni
  3. Aspca.org doppia pagina non convenzionale contro la crudeltà verso gli animali
  4. Food Raising: raccolti più di 600.000 pasti, ma l’obiettivo è arrivare a 1 milione