Dispositivi di guida intelligente, ormai una realtà nelle flotte aziendali

Mar 16th, 2016 | Di Redazione | Categoria: Statistiche e Ricerche


Il nuovo studio del Corporate Vehicle Observatory di Arval Italia dimostra la grande diffusione di “auto intelligenti” all’interno delle flotte aziendali, perché accrescono la sicurezza dei driver e contribuiscono all’ottimizzazione dei costi di gestione della flotta.

La ricerca dimostra che l’utilizzo di auto intelligenti all’interno delle flotte è già una realtà, con il 63% degli intervistati (gestori di flotte di dieci e più autoveicoli) che dichiara di avere almeno un’“auto intelligente” nella propria flotta.

L’utilizzo di tali dispositivi si dimostra effettivamente in grado di rendere più efficiente la flotta: il 73% dei gestori di flotte con “auto intelligenti”, infatti, afferma che questi possono realmente contribuire a ridurre il Total Cost of Ownership (TCO).

Solo il 44,6% dei Fleet Manager che non hanno all’interno della propria flotta “auto intelligenti”, invece, ritiene che l’utilizzo di dispositivi di guida assistita influenzi il TCO. Questo dato evidenzia che le potenzialità e i reali vantaggi a livello di efficienza dovuti alle “auto intelligenti” sono difficili da cogliere per chi non ne le ha mai introdotte nel proprio parco auto.

I dispositivi di guida intelligente considerati più utili dai Fleet Manager sono quelli per il rilevamento della stanchezza del guidatore (per l’83% degli intervistati), la frenata automatica in caso di emergenza (per l’83%), il mantenimento della distanza di sicurezza dal veicolo che precede (per l’82%), la segnalazione della presenza di autoveicoli nell’angolo cieco del guidatore (per il 79%), la chiamata automatica in caso di emergenza (per il 79%).

“La diffusione di “auto intelligenti” è sempre più capillare anche all’interno delle flotte aziendali. Tali tipologie di veicoli – dichiara Alessandro Torchio, Head of Consulting & CVO di Arval Italia – contribuiscono a rendere le flotte più efficienti e ad aumentare la soddisfazione dei driver: la multimedialità e l’assistenza alla guida generano, infatti, un miglioramento dei comportamenti alla guida e una maggiore sicurezza e, come conseguenza ulteriore, un’ottimizzazione dei costi di gestione dell’intera flotta”.

Related posts:

  1. Come si evolveranno i pagamenti con dispositivi mobili nei prossimi 24 mesi
  2. La guida al Performance Marketing è online e anticipa il Seminar in programma il prossimo 7 luglio
  3. Augure presenta la “Guida per creare comunicati stampa”
  4. A novembre con Avis la seconda guida è gratuita