Food Marketing efficace: 6 passi per vincere sul mercato agroalimentare

Mag 31st, 2016 | Di Altri | Categoria: Primo Piano


Food Marketing: è un termine molto di moda, in questi giorni

Se ne sente parlare spesso, in libreria spuntano nuovi testi sull’argomento (beh, uno è questo), in rete tutti si proclamano esperti del settore.

Ma come fare food marketing con successo?

Come, cioè, applicare efficacemente i principi universali del marketing al mondo dei prodotti agroalimentari (o, per dirla all’inglese, al food business?)

Di questo parleremo nell’articolo.

Scoprirai, in questo articolo, quali sono i 6 passi di food marketing che potrai mettere in pratica per aumentare i profitti della tua azienda agroalimentare.

Vediamo tutto ciò con un esempio.

L’esempio di Giuseppe.

Giuseppe è un piccolo imprenditore alimentare.

Produce, da molti anni, ottimi biscotti, che poi confeziona in comode scatole e vende alla sua clientela abituale: qualche grossista, un po’ di catene di supermercati.

Giuseppe è bravissimo a produrre e vendere – ma non sa nulla di marketing.
Nè, tantomeno, di food marketing e strategie commerciali.

Per Giuseppe queste sono parole dal significato un po’ oscuro.

“Produco ottimi biscotti, pensa Giuseppe, ho qualche cliente a cui venderli.. questo è il mio business, da tanti anni. Che c’entra con me il marketing?!”

E in effetti, l’azienda di Giuseppe ormai esiste da più di 30 anni, e – seppure con alti e bassi – è sempre riuscita a sopravvivere e a produrre qualche utile.

Anche senza food marketing.

Ultimamente, però, le cose si stanno facendo sempre più complicate.

La concorrenza è aumentata, i clienti sono sempre più esigenti, le catene della GDO chiedono sempre più sconti e contributi.

Giuseppe è in difficoltà: ogni anno trova sempre più difficile riuscire a portare a casa qualche utile.

“Forse, inizia a riflettere Giuseppe, ho veramente bisogno di capire che cos’è questo marketing ed iniziare ad applicarlo?”.

In effetti, si – Giuseppe ha tanta, tanta necessità di iniziare ad utilizzare le leve del food marketing, se vuole migliorare la situazione della sua azienda.

Come può, dunque, Giuseppe utilizzare i principi del food marketing (o marketing agroalimentare) per aumentare i suoi profitti?

Quali sono i passi che dovrebbe seguire, chiunque operi nel food business?

Torniamo a Giuseppe.

Ecco qui, di seguito, i passi che Giuseppe – ed ogni imprenditore agroalimentare -dovrebbe seguire per aumentare i suoi profitti utilizzando un approccio di marketing alla sua attività.

Step 1: Focalizzati

Trova una nicchia e concentra tutte le tue forze lì.

E’ inutile cercare di competere in un mercato grande, non vincerai mai contro le multinazionali o le grandi aziende food.

La food industry è spietata: il pesce grande mangia il pesce piccolo.

Perciò, se sei un pesce piccolo, focalizzati su un prodotto, o una piccola linea di prodotti, una specifica varietà di prodotti, una gamma ristretta.

Trova la tua specialità e i tuoi punti di forza.

Non disperdere le tue forze!

Step 2: Conosci i tuoi clienti.

Individuata la tua nicchia, indaga più che puoi su chi compra i tuoi prodotti.

Le grandi aziende food investono pesantemente in ricerche di mercato.

Se non te lo puoi permettere, perlomeno fatti un’idea parlando con conoscenti, rivenditori, buyer.

Scopri abitudini, gusti, preferenze.

Devi sapere che pensano il trade ed i consumatori della tua offerta e di quella dei concorrenti e quali sono i tuoi punti di forza e quelli di debolezza.

Step 3: Costruisci una marca forte.

La tua marca ha una parte verbale (il nome, il claim) e una parte visiva (i colori, il logo).

Sulla base di quanto hai scoperto finora, sforzati di creare una marca che si differenzi da quelle dei concorrenti: cioè, che prometta ai consumatori qualcosa di diverso dagli altri.

In più fai in modo che la tua marca si distingua dalle altre: con colori diversi, un logo speciale.

Non imitare quello che c’è già sul mercato: devi fare qualcosa di diverso.

In maniera tale da offrire a chi deve acquistare dei benefici interessanti e che non trova negli altri prodotti

Step 4: Definisci la tua offerta.

Sviluppa buoni prodotti, che mantengano quanto prometti.

Se puoi, utilizza un packaging insolito, comunicativo, capace di attirare l’attenzione.

Crea qualcosa che possa interessare i consumatori ed il trade.

Ricorda: marca e offerta devono essere coordinate e integrate.

Se la tua marca promette qualità non puoi accontentarti di un prodotto medio e un packaging normale.

Step 5: Distribuisci i tuoi prodotti.

Adesso devi fare in modo che i tuoi prodotti arrivino sugli scaffali dei punti vendita.

Devi preparare ed eseguire delle buone strategie commerciali.

Come procedere?

Scegli bene i canali di vendita ideali (non tutti i grossisti o le catene di supermercati andranno bene per te) e prepara una buona presentazione dei tuoi prodotti.

Utilizza le leve del trade marketing!

Metti in risalto quali sono i vantaggi per il negoziante nel trattare i tuoi prodotti…..

Allargare l’assortimento?

Aumentare il suo margine di contribuzione?

Offrire ai suoi clienti qualcosa di particolarmente innovativo?

Ricorda: al buyer della grande distribuzione alimentare non importa di te, ma solo del suo business.

Step 6: Crea spazio nella mente di chi compra.

Ora devi convincere chi va a fare la spesa a scegliere proprio i tuoi prodotti, anziché quelli dei tuoi concorrenti.

Inizia dai punti vendita in cui sei presente: organizza promozioni, degustazioni, espositori speciali.

Solo quando i tuoi prodotti saranno presenti in un numero elevato di punti vendita potrai pensare alla pubblicità, sia con mezzi classici (radio, stampa, tv) sia più moderni (social media e quant’altro).

Fino a quel momento, concentra tutte le tue risorse sulle attività in-store: fa sì che i tuoi prodotti vengano notati nei punti vendita dove sono disponibili!

Ecco, questi sono i 6 passi di food marketing che Giuseppe (ed ogni azienda agroalimentare) dovrebbe seguire per aumentare i suoi profitti e vincere sul mercato.

Facili?

No di certo – ma metterli in pratica bene può significare riuscire finalmente ad evitare la guerra di prezzo che distrugge la profittabilità di molte aziende agroalimentari ed a permettere all’azienda di ricavarsi uno spazio sicuro nell’immenso food market.

Vuoi saperne di più?

Scarica qui l’e-book gratuito “Guida al Marketing per PMI Alimentari”, dove potrai trovare tanti esempi di come aziende del settore agroalimentare hanno messo in atto i 6 steps del food marketing e costruito il loro successo

L”articolo “Food Marketing efficace: 6 passi per vincere sul mercato agroalimentare” è stato scritto da Maurizio Pisani, fondatore di Pisani Food Marketing.

Pisani Food Marketing è una società di outsourcing & consulenza di marketing e vendite per le aziende food, fondata e gestita da Maurizio Pisani, ex Direttore Marketing di Chiquita e Direttore Commerciale di Del Monte. Il nostro obiettivo: aumentare i profitti dei nostri clienti!

Related posts:

  1. I 5 trend del Food digital marketing: se ne parla a BE-Wizard!
  2. Il marketing non è arte ma scienza: intervista a Maurizio Pisani di Pisani Food Marketing
  3. IAB SEMINAR FOOD FOR THE DIGITAL FEED: il digitale è ancora una opportunità inespressa per il mondo del Food
  4. Come sta cambiando il settore agroalimentare, e cosa devi fare per sopravvivere