Dal fronte al carrello della spesa, il rancio del soldato fa scuola

Apr 1st, 2016 | Di Altri | Categoria: CATEGORIA B


Vi piacciono i confetti di cioccolata i M&M’s? Li hanno testati per voi i marines americani sgranocchiandoli da un fronte all’altro durante la seconda guerra mondiale. La glassa colorata fu introdotta per garantire che la mini-razione di cioccolata non si sciogliesse sotto il sole del Mediterraneo o nelle giungle del Sud-Est asiatico. E le patatine Pringles inscatolate dentro un tubo di cartone? Anche loro si sono fatte le ossa in campo di battaglia prima di essere commercializzate nel 1967.

Dal fronte al supermercato il passo è breve. Perché tutte queste innovazioni (dai cibi disidratati a quelli a lunghissima conservazioni fino ai sacchetti auto-riscaldanti) sono state scoperte, brevettate e sperimentate nei campi di battaglia

far squillare la tromba del rancio, oggi, ci pensano chef e dietologi. Basti pensare che due terzi delle razioni consumate dall’esercito australiano prevedono pasti vegetariani o conformi ai principali halal e kosher, mentre in Israele è stato appena introdotto il cibo per celiaci. Per i marines americani è pronta una pizza a lunga conservazione (fino a 3 anni) che verrà inserita nei pacchetti del “Meal, ready to eat”.

E in Italia, sotto l’egida delle ricette Nato, si punta su dieta mediterranea e tanto hi-tech: barrette energetiche, cappuccino liofilizzati e kit auto-riscaldati. Il pasto del soldato è di nuovo alle porte di una rivoluzione copernicana. Ai tempi di Napoleone, quando si diceva che l’esercito marcia sullo stomaco, bisognava accontentarsi di gavette riempite alla rinfusa di biscotti, carne secca sotto sale e altri alimenti non deperibili. Insomma il vecchio pasto del “marinaio” è rimasto in tavola immutato per secoli.

Related posts:

  1. Tre nuove tipologie di consumatori si “ribellano” ad un carrello della spesa piena di natura, salubrità, convenienza: neojunk, survivalist e downshifter
  2. PMI a scuola di strategia mobile
  3. Al via “La Battaglia delle Idee 2”: a Salerno il meeting della industry digitale e degli imprenditori innovativi