Dalla “green” alla “circular” economy

Mar 3rd, 2016 | Di Altri | Categoria: CATEGORIA B


Le disposizioni di cui ai Capi VI e V rappresentano un test importantissimo per l’Italia: in palio le future linee politiche nazionali sull’ambiente, con l’opportunità di diventare, per la prima volta, capofila in Europa.

Oltre alle numerose disposizioni di modifica dell’attuale legislazione ambientale (si vedano gli approfondimenti precedenti), nel collegato ambientale trovano spazio misure finalizzate a un rilancio, auspicabilmente definitivo, della green economy (Capo IV), ma anche all’introduzione della cosiddetta “circular economy” (Capo V), modello di crescita che prevede l’autosostentamento basato sulla valorizzazione e sul riutilizzo di materiali di scarto.

Tre sono le leve individuate dal legislatore a favore della green economy.
La prima è un rafforzamento delle certificazioni volontarie, in continuità con il trend già in atto da parecchio tempo nell’Unione europea, che premia, in termini di semplificazioni e sgravi, le aziende e le organizzazioni che si siano dotate di uno o più modelli organizzativi conformi a standard di certificazione.
La seconda leva a favore della green economy riguarda il cosiddetto “green public procurement” (o “appalti verdi” per le PA) e stabilisce l’obbligo, per le pubbliche amministrazioni, di inserire nella documentazione di gara i cosiddetti “criteri ambientali minimi”, regolamentati dal ministero dell’Ambiente attraverso futuri appositi decreti, focalizzati su categorie merceologiche diverse, la cui corretta applicazione sarà sorvegliata dall’osservatorio sui contratti pubblici.
La terza, ma non meno importante, misura per il rilancio della green economy (articolo 21) è la messa a punto di uno schema volontario per la valutazione e la comunicazione dell’impronta ambientale dei prodotti, denominato “Made Green in Italy”.

Altrettanto interessanti e ambiziose sono le misure che, sebbene possano apparire come semplici modifiche a disposizioni già in vigore, in verità contribuiscono a rafforzare le politiche di recupero e di riutilizzo di materiale di scarto, a supporto del cosiddetto modello della “circular economy”.
n questo senso, spicca l’aggiunta del nuovo articolo 206-ter al D.Lgs. n. 152/2006, che dispone la messa a punto di accordi e contratti di programma per promuovere l’acquisto di prodotti «derivanti da materiali post-consumo o dal recupero degli scarti e dei materiali rivenienti dal disassemblaggio dei prodotti complessi». Sempre in chiave supporto a questi prodotti, vanno visti l’erogazione di incentivi in favore di attività imprenditoriali di commercializzazione e la previsione di punteggi premianti nei bandi di gara a favore di chi li farà rientrare nei capitolati.

Decisamente interessante è quindi la sfida lanciata dal collegato ambientale che, se opportunamente colta, sarà in grado di proiettare l’Italia ai vertici delle politiche ambientali comunitarie.

Related posts:

  1. Convegno “Green Jobs”, 150 tirocini nel green
  2. Party Round primo ′green service′ in Italia per eventi eco-sostenibili tradizionali e non convenzionali
  3. Party Round primo ′green service′ in Italia per eventi eco-sostenibili tradizionali e non convenzionali
  4. Rivoluzione Green Building