La magia di un sorriso che aiuta i bambini a non sentirsi in ospedale

Set 15th, 2014 | Di Altri | Categoria: Pubblicità Sociale


Ogni giorno regalano allegria e buonumore ai bambini ricoverati nei reparti pediatrici dei nostri ospedali. Con uno scherzo, un gioco, una magia aiutano i piccoli pazienti a evadere dalla tristezza e dalla paura accompagnando loro e i loro genitori in questa difficile esperienza.
Sono i clown di Dottor Sorriso Onlus, la prima fondazione ad aver portato la clownterapia in Italia quasi vent’anni fa e che oggi porta il sorriso a 18.000 bambini ogni anno.

Dal 14 al 27 settembre, grazie alla campagna La magia di un sorriso con un SMS al 45595 si può contribuire a garantire la presenza, una volta a settimana, per un intero anno, di due clown professionisti in 8 reparti pediatrici a lunga degenza e in 2 istituti di riabilitazione che ospitano bambini affetti da gravi disabilità intellettive e motorie.
Con i fondi raccolti i Dottor Sorriso, artisti professionisti specificatamente formati per lavorare in ambito ospedaliero pediatrico, potranno continuare la loro attività nei reparti pediatrici del Policlinico di Modena, del Policlinico Federico II di Napoli, della Clinica pediatrica “De Marchi” e dell’Ospedale “Ca’ Granda” di Milano, dell’Ospedale “Casa di sollievo della sofferenza” di San Giovanni Rotondo (FG) e dell’AO “Città della salute e della scienza” di Torino e presso gli istituti di riabilitazione “Sacra Famiglia” di Cesano Boscone (MI) e “La nostra famiglia” di Bosisio Parini (LC).

Per questa iniziativa Dottor Sorriso Onlus può contare sul sostegno della danzatrice e presentatrice Rossella Brescia che ha prestato la sua immagine per la campagna di comunicazione.

La degenza in ospedale per i più piccoli rappresenta un momento delicato. Lontani dal proprio ambiente domestico e dal mondo dei giochi e degli affetti familiari, i bambini affrontano un vero e proprio trauma che genera un senso di disagio fisico e psicologico a cui si accompagna l’ansia dei genitori per la situazione del proprio figlio.
Sentimenti come paura, rabbia, noia e tristezza possono diventare un vero e proprio ostacolo alla terapia medica, poiché diminuiscono la capacità del bambino di reagire. È in questi casi che la clownterapia può diventare un efficace strumento a disposizione dei servizi sanitari e medici nella cura e assistenza dei più piccoli. Ridere contribuisce infatti a migliorare lo stato psicologico del paziente, influendo in modo determinante sulla possibilità di affrontare la malattia e sull’efficacia delle cure.

La clownterapia è un’attività professionale che integra le cure tradizionali, contribuendo a ricostruire, attraverso il sorriso, le difese del bambino. È infatti provato che l’utilizzo della clownterapia influisce sullo stato psicologico dei pazienti, rafforzando la loro capacità di affrontare la malattia e velocizzando il percorso di guarigione. La clownterapia ha inoltre effetti positivi su tutti gli altri protagonisti della cura medica: i genitori e i parenti del bambino, innanzitutto, ma anche il personale medico e paramedico. Persone che non solo subiscono gli effetti indiretti della malattia, ma che esercitano una grande influenza sul bambino e l’ambiente che lo circonda.

Related posts:

  1. I laboratori per bambini di Leroy Merlin
  2. A NATALE, ACTIONAID E OVS INSIEME PER I BAMBINI DELL’ITALIA DEL FUTURO
  3. Il fenomeno dell’adulting dei nativi digitali
  4. SAP e Inter Campus: il linguaggio universale del calcio per aiutare i bambini svantaggiati in Brasile