Mantenere l’eredità di Expo:Milano capitale mondiale della nutrizione

Feb 15th, 2016 | Di Altri | Categoria: Breaking News

milano-expo
Expo Milano 2015 è ormai finita e la sua eredità – assai più di quell’impegno a definire una legacy che ogni Expo sottoscrive con il Bureau International des Expositions - va raccolta senza perdere più tempo.

L’imperativo di “nutrire il pianeta” ci consegnava del resto ad una responsabilità di fronte al mondo ben oltre la breve, intensa e fortunata stagione di Expo Milano 2015. Era l’idea stessa che fece vincere Milano - quella di una Expo piattaforma per lo sviluppo sostenibile - ad indicarci un movimento verso un dopo e un di più oltre il confine ed il termine dell’evento. E non è un caso perciò che - ora che la grande avventura è terminata - l’ anima di Expo Milano 2015 viva ancora, per noi e non solo per noi , con tutte le aspettative e le energie messe in moto, con la forza dirompente di un ciclo vitale. Non conosce né stanchezza, né appagamento.

Milano guarda oltre Expo e si candida a capitale mondiale dell’alimentazione. Presentato oggi il manifesto dal Centro internazionale sul diritto all’alimentazione, a due anni dalla nascita, il 17 febbraio 2014, insieme ai fondatori: Camera di commercio di Milano, Regione Lombardia e Comune di Milano.

Al via la rete che sarà il motore della legacy di Expo. Oggi il Milan Center - ha riunito in Camera di commercio un primo importante nucleo di soggetti istituzionali e pubblici attorno al progetto di investire sul patrimonio di idee, pratiche ed economie nate con Expo Milano 2015. Insieme istituzioni, soggetti della formazione e ricerca, di economia e mercato agroalimentare, dell’associazionismo e del volontariato, ONG, sviluppo sostenibile e regolazione, in una dimensione internazionale e multilaterale.

“Grazie al lavoro svolto durante Expo Milano 2015 i temi della nutrizione e della sicurezza alimentare sono ora al centro del dibattito globale e vogliamo che il grande lascito della nostra Esposizione Universale sia proprio questo: il confronto vero, concreto e utile su questi temi”, ha dichiarato il Presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni. Vogliamo combattere la fame nel mondo ma anche condurre in modo più efficace la lotta alla contraffazione alimentare, che genera rischi per la salute dei consumatori e rappresenta un grave danno alla nostra economia”, ha continuato. “In quest’ottica Regione Lombardia ha portato avanti una serie di iniziative prima, durante e dopo Expo: dal documento anti contraffazione alimentare, parte integrante della Carta di Milano consegnata all’Onu, al Centro internazionale sul diritto all’alimentazione, iniziativa importante proprio perché la sua mission continua anche dopo l’Expo di Milano”.

Diventa pertanto urgente e cogente per tutti noi impegnarci per impedire che il motore si spenga e continuare a dare la miglior prova di noi stessi facendoci protagonisti di un dopo Expo che ne raccolga soprattutto contenuti e successi. Milano, capitale della nutrizione, ha infatti segnato in questi mesi l’identità e la direzione del suo dopo Expo che non può essere un dopo Expo qualunque e noi intendiamo pertanto denunciare il rischio che questo patrimonio venga ridotto e imbalsamato in una dimensione senza anima, identità e futuro. Con l’evento di oggi il Milan Center - riunendo un primo importante nucleo di soggetti istituzionali e pubblici attorno al progetto di investire sul patrimonio di idee, pratiche ed economie nate con Expo Milano 2015 - intende contribuire a far sì che l’eredità di Expo Milano 2015 sia carica del promettente futuro cui abbiamo tutti noi contribuito.

L’evento di oggi nasce da un intenso lavoro, iniziato con Expo, destinato a costruire una rete di relazioni e collaborazioni che metta insieme il versante delle istituzioni, della formazione e della ricerca, delle economie e del mercato agroalimentare, dell’associazionismo e del volontariato sotto il cielo dello sviluppo sostenibile e della regolazione, in una dimensione internazionale e multilaterale. La rete che teniamo oggi a battesimo e di cui illustriamo alcuni primi progetti rappresenta l’impegno, l’impianto ed il motore della legacy immateriale sottoscritta da Expo Milano 2015 con il BIE.

E rappresenta un contributo, in assoluto originale, per rendere continuo e strutturale il lascito di un’Expo nella storia delle Esposizioni Universali. Il diritto al cibo è il più fondamentale dei diritti fondamentali e non vive il solo tempo di un’Expo. Da Milano e la sua storia ricca e solidale, alle origini del welfare italiano, noi lanciamo e affrontiamo oggi tutti insieme la sfida per il nuovo primato: confermarsi città capitale mondiale della nutrizione.

Related posts:

  1. Expo, come sarà il turismo nel 2015 a Milano
  2. Milano nuova capitale italiana del turismo
  3. Le nuove frontiere del “Loyalty Mobile” in mostra al Promotion Expo di Milano
  4. 8° Expo della pubblicità