Nuvola Rosa on tour. Scienza e tecnologia per ragazze che vogliono fare strada

Mag 18th, 2016 | Di Altri | Categoria: Promozioni on the road


Nuvola Rosa, il progetto nato nel 2013 per aiutare le giovani italiane ad avvicinarsi alla tecnologia e superare il gap di genere nella formazione e nelle carriere in ambito scientifico, è arrivato ieri a Cagliari per l’ultima tappa del Tour, e conclude proprio oggi il suo percorso, che ha preso il via il 9 maggio al Politecnico di Bari ed è proseguito a Napoli, guidando circa 2.000 ragazze italiane e straniere dai 17 ai 24 anni alla scoperta delle opportunità offerte dalle tecnologie e dal digitale per approcciare con successo il mondo del lavoro.

Promosso da Microsoft, Accenture, ASUS, Avanade e Aviva, il progetto si è evoluto quest’anno in un roadshow, “Nuvola Rosa on tour. Scienza e tecnologia per ragazze che vogliono fare strada”, ed ha scelto di puntare su tre importanti città del Sud Italia, coinvolgendo migliaia di ragazze italiane e straniere, tra cui oltre 400 a Cagliari.

Ad annunciarlo, i promotori dell’iniziativa, nel corso dell’evento tenutosi oggi presso l’Università di Cagliari. L’incontro è stato aperto dai saluti istituzionali di Maria Del Zompo, Magnifico Rettore dell’Università degli Studi di Cagliari, del Sindaco di Cagliari Massimo Zedda, e dall’intervento di John R. Phillips, Ambasciatore degli Stati Uniti d’America in Italia, in visita nella città, ed ha siglato ufficialmente la chiusura del ciclo di corsi di formazione specializzata ospitati dall’Ateneo per due giorni, con l’obiettivo di far conoscere le opportunità del digitale e aprire un dialogo diretto con le aziende che assumono attraverso l’organizzazione di colloqui.

Al centro dell’incontro il tema della diffusione delle competenze digitali necessarie per approcciare il mondo del lavoro e della valorizzazione della diversity come driver di crescita dell’intero Sistema Paese, due fattori abilitanti per combattere la disoccupazione e l’inattività, ma anche il divario di genere - in Italia risulta occupato il 70,6% degli uomini, solo il 50,6% delle donne -, fenomeni che nel nostro Paese riguardano oggi più che mai le donne e i giovani, soprattutto nel Mezzogiorno, con un significativo divario territoriale tra Centro-Nord e Sud Italia.

Uno scenario nel quale la Sardegna mostra elementi di distinzione e ripresa: a fine 2015, l’Istat ha infatti certificato, rispetto all’anno precedente, una diminuzione dei disoccupati (15 mila in meno), con un tasso di disoccupazione che è passato da 19,1 a 16,7, e al contempo un aumento degli occupati, arrivati a più 25 mila, con un incremento del 4,5%, mentre in Italia la crescita è ferma a +1,1%. Il tasso di occupazione è al 50,8% (circa 574.300 unità), contro il 43% del Mezzogiorno (+2,3%) e vicino al valore nazionale, che è il 56,7%.

Numeri ancora negativi che evidenziano però importanti segnali di ripresa trainata dal dinamismo dell’occupazione femminile, il cui tasso in Sardegna è superiore a quello che si registra nel resto del mezzogiorno: 42,9% contro il 30,8%, più vicino al valore nazionale pari 47%, con una variazione del +8,1%, contro il 2,4% della media del Mezzogiorno e lo 0,4% nazionale, che ha portato il numero delle donne occupate sarde a 239.700 contro le 221.700 circa dei dodici mesi precedenti. Anche per quanto riguarda la ricerca del lavoro, spicca il dinamismo delle donne, che si stanno affacciando con più fiducia sul mercato del lavoro (+4,4%): nel Sud del Paese il dato scende al -0,6%; quello nazionale è -1,3%.

E’ in questa cornice che si è inserita l’ultima tappa di Nuvola Rosa 2016, un roadshow di corsi di formazione gratuiti focalizzati sulle discipline STEM (Scienza, Tecnologia, Ingegneria e Matematica), che spaziano dall’approfondimento degli ambiti più tecnici, come il Coding, il Cloud Computing, i Big Data, alla creazione della brand identity o dello sviluppo dello story telling digitale, passando dalle applicazioni della tecnologia in contesti differenti e più tradizionali, come l’architettura o il diritto, e mettendo a confronto competenze, idee e visioni di donne che hanno fatto strada con e grazie alle opportunità della tecnologia, andando oltre stereotipi e ostacoli solo apparentemente insormontabili.

A contribuire alla costruzione di un percorso efficace di accesso al mercato del lavoro, diversi momenti di networking e gli incontri di lavoro con le aziende: le sessioni di Jobs&Careers, la nuova iniziativa che Nuvola Rosa on tour propone alle studentesse laureande o neo-laureate che prendono parte ai corsi, hanno infatti l’obiettivo di aprire un dialogo diretto con le aziende, offrendo l’opportunità di colloqui di selezione one-to-one.

Questa quarta edizione di Nuvola Rosa si è distinta anche per una nuova e rilevante eco internazionale: quest’anno infatti, l’iniziativa fa parte di un più ampio progetto di cui il nostro Paese è capofila. Sulla scia del successo e dei risultati di Nuvola Rosa in Italia, Microsoft ha infatti dato vita a una campagna a livello globale, lanciata in occasione dell’8 marzo: #MakeWhatsNext coinvolgerà 27 Paesi con 43 eventi, per formare e ispirare 7.000 giovani donne, avvicinandole alle discipline tecnico scientifiche.

“Nuvola Rosa è un progetto a cui il nostro Ateneo ha aderito da subito e ha accolto con entusiasmo già dallo scorso anno”, ha dichiarato il Rettore dell’Università degli Studi di Cagliari, prof.ssa Maria Del Zompo, “perché si inserisce nell’ambito delle politiche di genere volte a rimuovere gli ostacoli verso una piena attuazione del diritto allo studio. I dati della nostra Università mostrano ancora una predominanza degli uomini nei corsi di laurea a contenuto scientifico: nel corso di laurea triennale in Informatica le studentesse sono solo l’11%, percentuale che sale al 14 nel corso di laurea magistrale, a fronte però di una netta predominanza di laureate sul totale d’Ateneo (nel 2015 erano il 63% contro il 37% di uomini). Numeri che ci motivano a fare ancora di più in questa direzione”.

“Siamo molto orgogliosi della partecipazione delle ragazze ai corsi di Nuvola Rosa che abbiamo organizzato all’Università degli Studi di Cagliari, una città in fermento che ha voglia di mettersi in gioco, come dimostra l’entusiasmo di tutte le giovani donne che abbiamo conosciuto in questi giorni di formazione e confronto – ha affermato Paola Cavallero, Direttore Marketing & Operations di Microsoft Italia - La mia professione e la mia esperienza personale mi portano a sostenere con grande vigore i progetti come Nuvola Rosa, nella convinzione che le competenze digitali possano aiutare tutte le giovani donne a realizzare le proprie ambizioni, sia che si tratti di entrare nel mondo aziendale, sia che si tratti di sviluppare un proprio progetto imprenditoriale.”

“Avere più donne, più ragazze nei nostri gruppi di lavoro è una priorità assoluta per Avanade. La diversità di genere ci aiuta ogni giorno a migliorare le competenze e la creatività dei nostri team e a rispondere al meglio alle esigenze dei nostri clienti, perché è grazie a questa eterogeneità che riusciamo ad offrire le migliori soluzioni. Insieme a “Nuvola Rosa”, di cui siamo partner fin dalla prima edizione, siamo davvero entusiasti di poter creare un dialogo sia formativo che occupazionale con le ragazze del Sud Italia, soprattutto a Cagliari che per la nostra azienda è una città importantissima. Siamo infatti sempre alla ricerca di donne che conoscano la tecnologia, neolaureate o già inserite nel mondo del lavoro, che possano entrare nel nostro centro di competenze tecnologico aperto un anno fa e che occupa già più di cento persone” ha aggiunto Mauro Meanti, Amministratore Delegato di Avanade Italy.

“La Sardegna è un territorio dove siamo cresciuti molto nell’ultimo anno e dove vogliamo investire ancora”, ha commentato Elisa Peretti, Responsabile Marketing e Comunicazione, Aviva. “Siamo quindi felici che Nuvola Rosa ci dia modo di confrontarci anche con le giovani di questa regione. Abbiamo fatto dell’innovazione uno dei nostri pilastri strategici, soprattutto in ambito digitale. Poter contribuire alla diffusione della formazione in ambito tecnologico e lavorare per superare il “gender gap”, che purtroppo interessa ancora molte aziende in Italia, è molto importante per un gruppo assicurativo come il nostro. Nelle nostre lezioni qui a Cagliari affronteremo i temi della protezione dell’identità online e terremo anche corsi dedicati al personal branding”.

“Il modello su cui fino a poco tempo fa si basavano domanda e offerta di lavoro è radicalmente cambiato e saper utilizzare gli strumenti informatici, avere conoscenze tecnologiche, conoscere le loro logiche e dinamiche sono diventati requisiti fondamentali per le imprese e per qualunque tipo di professione a cui le giovani generazioni ambiscano. Abbiamo voluto rinnovare la collaborazione con Microsoft nell’iniziativa Nuvola Rosa perché intendiamo contribuire a fare conoscere ulteriormente le potenzialità e a ridurre il digital divide fra i sessi in qualsiasi territorio italiano”, - ha affermato Manuela Lavezzari, Marketing Manager di ASUS. - “In più, oltre che ad aiutare l’universo femminile ad accelerare il processo di ingresso nel mondo nel lavoro, già di per sé difficile in questo momento storico, esse possono davvero contribuire con le loro capacità e creatività a dare ulteriore impulso a un ambiente fortemente dinamico, flessibile e in costante trasformazione: si tratta di un vasto oceano da cui devono solamente attingere”.

“In Accenture le donne sono al centro dei nostri programmi di crescita e di sviluppo della leadership. Crediamo nell’avanzamento equilibrato della carriera, un obiettivo che si coglie solo investendo nella creazione di percorsi individuali e nella formazione continua” - spiega Raffaele D’Orsi, Responsabile dei Centri di Eccellenza di Delivery in Accenture Italia – “Nuvola Rosa è un progetto dedicato alle ragazze che orienta verso percorsi di studio in ambito STEM e verso carriere caratterizzate dalla passione per la tecnologia e l’innovazione, un connubio perfetto rispetto ai nostri valori. In questa edizione di Nuvola Rosa On Tour i professionisti di Accenture formeranno le ragazze attraverso specifici workshop e le incontreranno per colloqui conoscitivi. Un format di successo sperimentato anche attraverso la collaborazione con le principali Università”.

Related posts:

  1. Gorilla rosa invadono Milano
  2. OsservatorioBlog2016: la blogosfera è rosa e under 35