Le piccole imprese rallentano l’innovazione? Falso! Italia migliore in Europa.

Mag 7th, 2016 | Di Altri | Categoria: Primo Piano


Negli ultimi dieci anni, nonostante la crisi, la quota delle imprese sul totale della spesa italiana in ricerca e sviluppo è cresciuta di sei punti, toccando il 54%. Lo afferma il presidente nazionale della Cna, Daniele Vaccarino, che cita dati Eurostat per “sfatare alcuni miti” a margine della “Giornata dell’innovazione - L’innovazione motore invisibile delle Pmi” organizzata a Pistoia.

“Il primo mito è che in Italia si fa poca ricerca per colpa del sistema imprenditoriale. Falso. Il secondo mito è che le piccole imprese rallentano l’innovazione. Non è vero”, spiega Vaccarino. Le Pmi, anzi, fanno più dei loro concorrenti europei.

L’innovazione informale nelle piccole imprese italiane risulta superiore dell’1,5% alla media Ue, l’innovazione brevettata di prodotto e di processo lo è del 2,3%, l’innovazione nel marketing e nell’organizzazione dell’1,4%. Vaccarino sottolinea che le domande di brevetto europeo sono depositate per un terzo da piccole imprese, una quota che sale al 45% nell’arredo e al 55 nel design.

“Questa è la realtà. La politica non può non tenerne conto - conclude il presidente della Cna - nei suoi piani strategici. Penso prima di tutto a Industria 4.0. Micro e piccole imprese devono avere un ruolo chiave. Investimenti, progetti e regole devono essere tagliati su misura anche per loro”.

via http://www.ansa.it/

Related posts:

  1. Crescono le nuove piccole imprese di immigrati extra UE nei comparti servizi, artiginato, commercio: 100.000 in più in 5 anni
  2. Sisal e Wired Italia a sostegno di talento e innovazione con “Hack the Expo”
  3. Partnership tra L’Ippogrifo® e Confartigianato Imprese Lazio per l’internazionalizzazione delle imprese
  4. MSLGROUP Italia migliore agenzia del network