Pit stop ai semafori e Pezzuto Automotive va di … guerrilla a Lecce

Ott 27th, 2016 | Di Altri | Categoria: Marketing In Progress


Non era la prima curva di Lesmo a Monza né la Rascasse di Montecarlo. E nemmeno il rettilineo che porta ai box di Spa-Francorchamps, ma semplicemente il semaforo all’altezza dell’incrocio tra via vecchia Frigole e Viale Leopardi a Lecce, che una mattina di fine settembre si è trasformato in un vero e proprio circuito di Formula1 con tanto di meccanici pronti a fare il pit-stop.

E poco importa se si trattava di un’utilitaria o di una station vagon…per qualche minuto, giusto il tempo che scattasse il verde chiunque si trovava alla guida si è sentito un po’ Lewis Hamilton o Sebastian Vettel in quei concitati momenti del rifornimento e del cambio gomme che spesso influiscono sull’esito di una gara.

Nessun conducente fermo al rosso si aspettava di veder sbucare all’improvviso dalle auto in sosta un team di meccanici “sguinzagliato” per la città da Pezzuto Automotive (gruppo che comprende i concessionari Sportauto Peugeot, FordStore MPM e Pezzuto Group Volskwagen e Audi).

I tecnici, rigorosamente in divisa, hanno provveduto ad effettuare un’approfondita pulizia dei fari e del lunotto anteriore e perché no anche a dare una “controllatina” alla pressione delle gomme, perché la sicurezza prima di tutto. Ed ecco che la paletta indica il “Go!”: si può ripartire, senza aver intralciato il traffico.

Insomma, un’intersezione considerata quasi un incubo per gli automobilisti salentini – specialmente all’ora di punta – si è trasformata in un’occasione per vivere in prima persona uno dei momenti più emozionanti per una gara di F1.

Grazie a questo improvvisato box, una mattinata di settembre ha regalato a qualche lavoratore un po’ di buon umore. Ecco in anteprima le foto e il video con tutte le reazioni più strampalate degli automobilisti vittime di questo sketch.

Related posts:

  1. Automotive, la vendita è sempre più on line
  2. “Don’t stop your music, play the safety”
  3. Partenopei contro il parcheggio abusivo con il guerrilla marketing
  4. ‘Il ristorante’ bus stop di McDonald’s