Premio FERRARI: Il Manifesto, Sportweek e New Yorker vincono 1.000 bottiglie di Ferrari Brut per il Titolo, la Copertina e l’Articolo dell’Anno

Mag 16th, 2014 | Di Altri | Categoria: Premi e Riconoscimenti


Si è tenuta nel Salone d’Onore della Triennale di Milano, la settima edizione del Premio Ferrari “Titolo e Copertina dell’Anno” che ha visto affermarsi il Manifesto per il miglior titolo e Sportweek per la migliore copertina. La prima edizione del premio dedicato alla stampa estera per il Made in Italy: The New Yorker.

Un brindisi dal sapore italiano con tante bollicine per festeggiare il Manifesto, Sportweek e New Yorker che vincono 1.000 bottiglie di Ferrari Brut per il Titolo, la Copertina e l’Articolo dell’Anno. Il New Yorker si è invece aggiudicato, con un ampio articolo dedicato a Massimo Bottura, la prima edizione del Premio Ferrari “L’Arte di Vivere Italiana”, dedicato alla stampa estera che abbia valorizzato al meglio lo stile di vita italiano o il Made in Italy di eccellenza.

Premio Ferrari. Il Manifesto fa un bi “presidenziale”. Dopo “Indovina chi viene a cena” su Barack Obama alla Casa Bianca vince le bottiglie di Ferrari Brut con la prima su Giorgio Napolitano.
“Sono Stato”, apparso sul Manifesto del 21 aprile dello scorso anno, è il titolo che meglio racconta il 2013. Mentre Sportweek, il settimanale della Gazzetta dello Sport, s’è imposto per la più bella copertina grazie a una denuncia del razzismo negli stadi. Così ha deciso la giuria dei Premi Ferrari “Titolo e Copertina dell’Anno”, giunti alla settima edizione, i cui vincitori sono stati proclamati la sera di mercoledì 7 maggio alla Triennale di Milano.

Il Manifesto s’è aggiudicato il Premio Ferrari grazie a due parole “Sono Stato” che apparendo, sotto l’immagine di Giorgio Napolitano ripreso su una poltrona presidenziale, sono, come si legge nelle motivazioni della giuria, “insieme felice sintesi e sarcastica osservazione. Dicono della rielezione di Napolitano al Quirinale e, contemporaneamente, sottolineano criticamente che il doppio mandato ha il significato di un potere diverso dal passato”.

A conquistare l’altro premio Ferrari, “Copertina dell’Anno”, è stato Sportweek, il settimanale della Gazzetta dello Sport, con il numero del 5 ottobre 2013. “Quattro volti e una parola, BUU, accompagnata da un punto interrogativo e da un punto esclamativo - recita la motivazione - che ripete un verso purtroppo abbastanza usuale negli stadi italiani. Così si è realizzata una copertina di straordinaria intensità, molto forte e altrettanto efficace per dire, in modo esemplare, di un problema che, purtroppo, esiste e resiste in tutt’Italia: il razzismo”.

La serata, condotta da Alessio Vinci, ha segnato il debutto del Premio Ferrari “Articolo dell’Anno - L’Arte di Vivere Italiana”, riservato alla testata straniera che abbia valorizzato il bello, il buono e il ben fatto del nostro paese. E’ stato vinto dal New Yorker, storico settimanale americano, grazie ad un articolo a firma di Jane Kramer apparso il 4 novembre 2013. “Il New Yorker si è distinto - si legge nelle motivazioni della giuria, composta da illustri membri delle istituzioni e dell’imprenditoria - per la qualità e ampiezza del ritratto dedicato a uno dei maggiori interpreti di sempre della cucina italiana, Massimo Bottura, e per la finezza con cui viene indagato il delicato rapporto fra innovazione e tradizione. Il grado di approfondimento dell’articolo conferma la cura editoriale e la rigorosa politica di verifica delle notizie per le quali il New Yorker è da sempre noto e apprezzato.”

Non potevano mancare gli chef, da Massimo Bottura, protagonista dell’approfondimento del The New Yorker, a Davide Oldani, Andrea Berton, Filippo La Mantia e Chicco Cerea, che ha deliziato i numerosi ospiti intervenuti con le sue creazioni a tre stelle annaffiate da un’ottima selezione di spumante Ferrari.
A Manifesto, Sportweek e New Yorker andranno 1.000 bottiglie di Ferrari Brut, il brindisi italiano per eccellenza. Per il Manifesto è stato il caporedattore Marco Boccitto a ritirare il riconoscimento che ha premiato per la seconda volta la creatività dei titolisti della redazione: la testata, infatti, aveva già vinto con “Indovina che viene a cena”, dedicata alla elezione di Barack Obama.

Per SportWeek sono saliti sul palco Matteo Dore, direttore del magazine del La Gazzetta dello Sport, e Andrea Monti, direttore del quotidiano sportivo. La copertina vincitrice (realizzata da Filippo Carota, art-director e Naima Mancini, photoeditor), ha lanciato un messaggio anti-razzista ai tifosi.

La giuria era composta da grandi nomi del giornalismo e della cultura, tra cui Giulio Anselmi, Isabella Bossi Fedrigotti, Antonio Calabrò, Emilio Carelli, Aldo Cazzullo, Antonio Dipollina, Massimo Donelli, Mattia Feltri, Mario Giordano, Stefano Lorenzetto, Camilla e Matteo Lunelli, Clemente Mimun, Arnaldo Pomodoro, Claudio Sabelli Fioretti, Roberto Saviano, Gian Antonio Stella e Oliviero Toscani, cui si sono aggiunti, a partire da questa edizione, Lella Costa, Monica Maggioni e Andrea Vianello.

Mariella Belloni

Related posts:

  1. Assegnati i Premi Ferrari alla stampa
  2. Generali Italia vince il Cerchio d’Oro come “Compagnia di assicurazione innovativa dell’anno”
  3. Dreher Limone Radler Zero eletta Prodotto dell’Anno
  4. Riva sponsor ufficiale della Ferrari F1 2016