Pubblicità provocatoria per Ikea alla stazione di Ancona

Gen 21st, 2009 | Di Altri | Categoria: Breaking News


“Ancona, ha bisogno di più ordine”. Mai come in questo momento uno spot che sprona gli anconetani a rendere le loro case più decorose si addice al critico momento politico, amministrativo e giudiziario, che il capoluogo sta attraversando e strettamente correlato alla posizione del sindaco Fabio Sturani.

Ma il messaggio cade a pennello anche se si pensa alla problematica situazione della viabilità in centro, alle molte strade colabrodo o all’annoso problema dei parcheggi. Ideato dalla responsabile marketing di Ikea, Tiziana Babuin, e pensato proprio per Ancona, il grande cartellone pubblicitario che campeggia in piazza Rosselli a due passi dalla stazione ferroviaria, tra via Giordano Bruno e via Marconi, porta tanti anconetani con il naso all’insù e a pensare che quella dell’Ikea non sia una considerazione troppo generica ma perfettamente aderente alla realtà.

Dunque un manifesto provocatorio che lascia intendere o una semplice trovata pubblicitaria che vuole fare riflettere a tutto raggio? “Non vogliamo sostituirci a nessuno - dice Tiziana Babuin - e lasciamo fare ad ognuno il proprio mestiere. Noi siamo da sempre specialisti di arredamento per la casa e continueremo ad occuparci sempre e solo di questo. Però ci piace parlare ai nostri clienti con un pizzico di ironia. Lo stile di comunicazione di Ikea - prosegue - è da sempre non convenzionale non usuale. La nostra forza è la nostra differenza e ci divertiamo nel fare il nostro lavoro e anche nel comunicare con i nostri clienti e lo abbiamo fatto anche questa volta”.

Il perché di un simile manifesto sta allora nella volontà di “coinvolgere in questa campagna pubblicitaria locale tutta la città di Ancona, la fetta più grande dei nostri clienti e di giocare con loro sull’ordine ma quello nelle nostre case, soprattutto su quello che non si vede: quello all’interno dei nostri armadi o mobili in generale. In questa campagna parliamo di camere da letto ma si potrebbe parlare anche di ordine all’interno dei nostri cassetti o credenze in cucina. Chi di noi riesce a trovare a casa sempre al primo colpo le cose conservate?”.

“La spina dorsale di questa pubblicità - prosegue la responsabile marketing - è il focus sull’organizzazione interna che è il nostro vero vantaggio competitivo rispetto al mercato sia per funzione che per prezzo degli accessori interni”. Sarà pure così ma Ancona ha davvero bisogno di ordine.
Marina M. Macchi

Related posts:

  1. Ikea, la stazione è casa tua
  2. Prima edizione in Ottobre per la fiera dell’editoria ad Ancona
  3. Spizzico entra alla Stazione Centrale di Milano
  4. Pit stop rigenerante alla stazione di Polase con Adverteam