Quattroruote Day 2017: con lo sguardo al futuro

Feb 8th, 2017 | Di Altri | Categoria: CATEGORIA B


Il salone di Ginevra, la mostra “Road to Revolution” a Monza, l’Electric Tour e tanto altro ancora: è stato un anno formidabile il sessantesimo nel calendario di Quattroruote, ricco di eventi e nuove esperienze. E proiettato nel futuro, ai prossimi sessant’anni. E indietro non si torna!

Quest’anno, il Quattroruote Day si è svolto presso l’Unicredit Pavillon di Piazza Gae Aulenti, al quale sono intervenuti fra gli altri Carlo Ratti del Mit e Flavio Manzoni, responsabile del design della Ferrari. Il settimo Premio Gianni Mazzocchi è stato consegnato all’ingegner Gian Paolo Dallara per “aver realizzato nella sua lunga carriera alcune delle gran turismo stradali più importanti di tutti i tempi e aver contribuito a tenere alto il prestigio italiani negli sport motoristici, spaziando tra tutte le categorie e ottenendo risultati che gli hanno permesso di acquisire fama internazionale”.

Sul palco anche Alex Zanardi, che di Dallara è amico fin dai tempi in cui correva in Formula 3. Confermandosi un importante e atteso momento d’incontro per tutto il mondo automotive, il convegno PreVisioni di quest’anno è stato incentrato sul tema L’auto fra passioni e nuovi paradigmi.

Ad aprire i lavori, Gian Luca Pellegrini, direttore del mensile, che ha 
colto l’occasione per rivivere le tappe più significative del 2016, anno in
cui sono stati celebrati i primi 60 anni del giornale. E’ stata inoltre l’occasione per sottolineare la crescita del sistema Quattroruote che vanta
per il mensile 2,8 milioni di lettori, per il sito 5 milioni di utenti unici
al mese e per la Quattroruote TV 9 milioni di visualizzazioni annue.
Emblematiche le crescite dei canali social: 560 mila i follower di Facebook
(+50%), 54 mila quelli di Instagram (+270%), 26,5 mila follower su Twitter
(+20%) e 56 mila su YouTube (+100%). Mensilmente sono 9.616.500 le persone che entrano in contatto diretto con il sistema Quattroruote su scala 
internazionale.

Il tema della giornata, dedicata alle previsioni del futuro dell’automotive,
 è stato affrontato da Carlo Ratti del Mit che ha sottolineato come molte previsioni del passato, come spesso accade, si siano rivelate inesatte: l’avvento del mondo digitale, per esempio, non ha ridotto l’ambito delle città, che anzi continuano a conquistare sempre più peso, ma le ha trasformate e sempre più lo farà con l’affermarsi dell’internet delle cose: lo spazio si trasforma, le case diventano intelligenti, l’architettura e il design evolvono. Tutto questo accade e accadrà inevitabilmente anche per la mobilità, per esempio con la condivisione degli spostamenti in taxi nelle metropoli che permetterà di abbattere drasticamente il numero delle vetture in circolazione e il costo degli spostamenti.

Al suo intervento ha fatto seguito quello di Flavio Manzoni,
 responsabile del design della Ferrari, che ha voluto sottolineare le affinità tra la musica e, in particolare il jazz, e il design esibendosi con esempi concreti al pianoforte. Improvvisazione, convivenza tra lavoro di team e individualità, interazione, struttura matematica sulla quale s’innesta la creatività soggettiva sono per Manzoni tutti elementi che accomunano la disciplina del musicista con quella del designer.

Al centro dell’attenzione di Michele Bertoncello, partner di McKinsey,
 è stato invece l’utilizzo dei big data da parte del mondo automotive: un’opportunità straordinaria, ma che dev’essere ancora capita e sfruttata in tutta la sua complessità. I trend inevitabili della mobilità saranno quelli dell’elettrificazione, della guida autonoma, della mobilità condivisa e della connettività; le sfide essenziali riguarderanno la modalità con le quali saranno affrontati i clienti, quelle con le quali si potranno trasformare i dati in business, le tecnologie che saranno impiegate e l’adattamento delle organizzazioni.

Alfa Romeo Giulia eletta Novità dell’anno 2017
La berlina italiana è sta scelta dai lettori del mensile Quattroruote, con il 33,4% dei voti. Il podio è tutto italiano: seconda la Fiat 124 Spider e terza la Maserati Levante. La cerimonia di consegna è avvenuta a Milano in occasione del “QuattroruoteDay”, ha ritirato il premio Alfredo Altavilla, responsabile di FCA per la regione EMEA. I lettori del mensile hanno espresso la loro preferenza su una rosa di 15 candidate, selezionate dalla redazione fra le novità presentate sul mercato lo scorso anno. A concorrere al titolo, oltre ai tre modelli citati, anche Audi Q2, Citroen C3, Fiat Tipo, Hyundai Ioniq, Jaguar F-Pace, Kia Niro, Nissan Micra, Peugeot 3008, Seat Ateca, Toyota Prius, Volkswagen Tiguan e Volvo V90. .

Related posts:

  1. Quattroruote e IKEA insieme per l’Electric Tour
  2. Quattroruote compie 60 anni…. e non si vedono