Second hand economy: un mercato da 18 miliardi che coinvolge il 50% degli italiani

Mar 3rd, 2016 | Di Altri | Categoria: Consumi e Consumatori, Primo Piano


Il mercato dell’usato è oggi un paradigma economico e sociale che coinvolge il 50% della popolazione italiana under 45 che vende e acquista oggetti usati, grazie alla tecnologia, anche online (40%).

La ricerca DOXA* commissionata da Subito, azienda n.1 in Italia nella compravendita online con oltre 8 milioni di utenti unici**, conferma che la Second Hand Economy genera un volume di affari pari a 18 miliardi di euro, ovvero l’1% del PIL italiano. Questa “forma di mercato rinnovata” ha un impatto rilevante in Italia anche grazie alla tecnologia, in quanto il 38% del volume d’affari, ovvero 6,8 miliardi di euro, passa attraverso l’online e permette di guadagnare fino a €1.220.

Ai veicoli la leadership indiscussa del volume d’affari online con 4,2 miliardi di euro, seguiti dal mondo dell’arredamento e degli elettrodomestici (980 milioni). In questo scenario sta crescendo anche il peso di altri settori come la moda, che copre un volume di affari pari a 360 milioni di euro, e l’elettronica, con 340 milioni. La volontà degli italiani di liberarsi del superfluo (58%) e di soddisfare il desiderio di cambiamento (13%) stimola la crescita di questo mercato, che non è trainata dall’interesse di guadagnare (22% nel 2015 contro il 38% del 2014) a conferma che la crisi economica non è il driver della compravendita dell’usato.

“Questo è il secondo anno che Doxa sviluppa l’Osservatorio Second Hand Economy e i risultati mostrano come la popolazione italiana under 45 sia sempre più interessata a comprare e vendere usato in particolare online”, spiega Guido Argieri, Customer Insight Director di DOXA. “La progressiva digitalizzazione del Paese e un uso sempre maggiore di smartphone e tablet stanno progressivamente affermando il ruolo dell’economia dell’usato nell’economia familiare”.

In un mercato italiano che si rivela dinamico e in costante evoluzione, il ruolo di Subito continua a crescere e ad essere sempre più strategico, supportando le persone nella gestione della propria economia familiare. Leader nella compravendita online in Italia, Subito è conosciuto dall’82% della popolazione italiana under 45 e dal 77% degli italiani che acquistano usato: un italiano su quattro nell’ultimo anno ha comprato o venduto almeno una volta oggetti di seconda mano sulla piattaforma. Le motivazioni della preferenza sono la semplicità (67%) con cui consultare gli annunci, l’aspetto amichevole (52%) che favorisce il rapporto diretto tra venditore e compratore, l’efficacia (36%) nel soddisfare le necessità della vita quotidiana e il poter risparmiare in un momento di crisi (21%).

Related posts:

  1. MERCATO CAFFE’ BAR IN ITALIA: giro d’affari a 6,6 miliardi di euro
  2. il 51,5% degli italiani è on line, ma il dato cresce solo per smartphone o tablet
  3. Più del 34% degli italiani legge regolarmente i quotidiani. 2,1 milioni i lettori delle versioni digitali
  4. l’Italia è il secondo mercato europeo per la pubblicità mobile