Il segreto per conquistare il consumatore digitale?

Gen 16th, 2015 | Di Altri | Categoria: Statistiche e Ricerche


Il consumatore digitale oggi è diventato adulto, e si aspetta di vivere esperienze di acquisto ricche, che gli offrano sempre più valore e sempre più comodità – in negozio e fuori dal negozio.

Oggi Cisco ha reso noti i risultati di una ricerca condotta su un campione di 1.240 consumatori nel Regno Unito e negli Stati Uniti: i dati svelano che apprezzano maggiormente vivere esperienze d’acquisto basate sulle tecnologie Internet of Everything, ed offrono informazioni rilevanti per aiutare gli operatori retail a conquistare il nuovo consumatore digitale sfruttando in modo innovativo grazie all’IoE, la mobility, i contenuti video e l’analisi dei dati.

La ricerca, che è stata anticipata in occasione della 104° edizione della National Retail Federation Convention & Expo di New York, è parte di uno studio che viene condotto su scala globale attualmente in corso; quando sarà completata, la ricerca avrà coinvolto ben 6.000 consumatori di 10 paesi.

I clienti vogliono vivere un’esperienza d’acquisto comoda e rilevante per le loro esigenze del momento

Questa quinta edizione della ricerca dedicata al retail da Cisco Consulting Services svela che la gran parte dei consumatori vogliono innovazioni che rendano più comodo ed efficiente lo shopping: con un approccio che va oltre la semplice personalizzazione dell’esperienza, arrivando a quella che viene definita “Iper Rilevanza”.

Offrire ai consumatori un servizio basato sulla “Iper Rilevanza” crea valore – più risparmio, più efficienza, più coinvolgimento – in tempo reale ed in ogni momento del percorso d’acquisto. Ciò è possibile se si analizzano i dati a disposizione, in modo da individuare l’esperienza che meglio si attaglia al contesto in cui il consumatore si sta accingendo ad acquistare (dove si trova, qual è il suo obiettivo in un dato momento…).

Le soluzioni di analisi dei dati aiutano gli operatori commerciali a tracciare i percorsi dei consumatori all’interno del negozio, e consentono di utilizzare le tecnologie video già presenti per capire – ad esempio – in quali zone del negozio si passa più tempo, quali scaffali hanno bisogno di essere riassortiti. Tutte informazioni che possono essere usate immediatamente per migliorare l’esperienza di shopping ed anche l’efficienza e gli incassi.

Richiesti di identificare le aree principali su cui intervenire per migliorare l’esperienza d’acquisto in negozio, il 39% dei consumatori ha citato il processo di selezione e acquisto dei prodotti – ad esempio, trovare con certezza in negozio ciò che si cerca ed una maggiore efficienza al momento del pagamento. Di contro, il 13% ha chiesto “una esperienza d’acquisto più personalizzata”: questo non significa che i clienti non vogliono la personalizzazione, significa che le opportunità personalizzate che gli sono proposte devono essere adeguate al contesto, rilevanti e facili da cogliere.

I consumatori digitali sono molto interessati alle esperienze consentite dall’adozione dell’Internet of Everything: creano risparmi, efficienza e coinvolgimento.

Per aiutare gli operatori del retail a scegliere come e dove allocare i propri investimenti in innovazione, Cisco ha testato con i consumatori coinvolti nella ricerca 19 diversi concept di shopping. Si è così potuta valutare la ricettività delle innovazioni realizzabili grazie all’Internet of Everything in questo settore. Questi casi utente evidenziano il valore che l’IoE può generare per gli operatori, in termini di aumento dei ricavi e di produttività dei propri dipendenti. Ad esempio, per un grande operatore che abbia un fatturato annuale di 20 miliardi di dollari, l’adozione di questi concept può generare opportunità pari a un valore annuale lordo di 312 miloni di dollari, ed un 15,6% in più di profitti.

Related posts:

  1. Il consumatore italiano si affida alla multicanaltà
  2. “Visual merchandising, il segreto per stimolare gli acquisti di frutta”
  3. “Un business digitale necessita di un management digitale”