Single e compravendite, sono il 46,8% degli acquirenti

Apr 21st, 2016 | Di Altri | Categoria: Indagini e Sondaggi


Nel secondo semestre del 2015, le compravendite realizzate attraverso le reti Tecnocasa e Tecnorete presenti sul territorio nazionale hanno visto nel 46,8% dei casi acquirenti single (questa categoria è composta da celibi/nubili, separati/divorziati e vedovi). La percentuale è sostanzialmente uguale a quella registrata un anno fa, nel II semestre del 2014.

A livello nazionale la tipologia più acquistata da questo target è stata il trilocale (36,0%), seguita dal bilocale (27,8%). Ville, villette, rustici, loft, case indipendenti e semindipendenti compongono insieme il 13,8% degli acquisti.

Nel Bel Paese il 44,8% dei single che ha comprato attraverso le agenzie del Gruppo Tecnocasa ha un’età compresa tra 18 e 34 anni, il 29,1% ha tra 35 e 44 anni, seguiti da percentuali in progressiva decrescita all’aumentare dell’età.

L’86,5% delle compravendite da parte di single riguarda l’acquisto dell’abitazione principale, il 10,4% l’investimento e il 3,1% riguarda la casa vacanza. Rispetto ad un anno fa queste percentuali sono rimaste sostanzialmente invariate. Sempre nella seconda parte del 2015, il 58,2% dei single ha usufruito dell’ausilio di un mutuo bancario, mentre il 41,8% ha comprato in contanti. Percentuali simili si erano registrate un anno fa (il 56,5% di acquisti con mutuo e il 43,5% di acquisti senza mutuo).
Per quanto riguarda il mercato delle locazioni il 52,5% degli inquilini ha preso casa in affitto per scelta abitativa, il 38,3% per motivi di lavoro ed il 9,2% per motivi legati allo studio.

Related posts:

  1. Cambiano le norme degli acquisti online. Più diritti e tutele, ma ancora molti utenti non ne sono a conoscenza
  2. Le famiglie italiane comprano il trilocale, aumenta l’interesse per la casa vacanza e per l’investimento
  3. Gruppo Bancario Crédit Agricole Italia, ERG, GTS Holding e Fondazione Allianz UMANA MENTE sono i vincitori della cinquantaduesima edizione degli Oscar di Bilancio Ferpi
  4. I media sono al cimitero, ma non sono morti, anzi più vivi che mai