Smartglasses OLED, la realtà aumentata di Epson

Feb 22nd, 2016 | Di Altri | Categoria: CATEGORIA B

oled
Epson ha annunciato oggi la terza generazione dei Moverio, gli smartglasses per la Realtà Aumentata.

Disponibili da ottobre 2016, i Moverio BT-300 sono dotati dell’innovativa tecnologia di visualizzazione digitale OLED (Organic Light Emitting Diode) a base di silicio. Il dispositivo è il più leggero sul mercato, grazie al 72% di peso in meno rispetto al primo modello annunciato nel 2011, stabilendo i nuovi standard del mercato per gli smartglasses per la Realtà Aumentata.

Dotati di un processore quad core Intel Atom e di sistema operativo Android 5.1, questi smartglasses sono in grado di supportare contenuti 3D, possiedono una batteria che dura fino a sei ore e permettono di vedere quanto ripreso dalla telecamera frontale HD da 5 mega pixel e da altri sensori, facendo rivivere ciò che vede e sente la persona che li indossa. Come nei precedenti modelli, e nel rispetto delle prescrizioni in materia di tutela della privacy, il prodotto indica con un LED luminoso se e quando la videocamera è in funzione.

Valery Riffaud-Cangelosi, Manager per lo sviluppo di nuovi mercati per prodotti connessi e indossabili di Epson EMEA, commenta: “La strategia dichiarata di Epson consiste nel focalizzarsi principalmente sull’uso della tecnologia in ambito business e professionale. Dal 2011, grazie al lavoro fatto a fianco di oltre 2.000 partner ISV, tra cui diversi italiani, la linea Moverio ha portato valore in vari settori tra cui ingegneria, didattica e training, medicina, retail, turismo, cultura e conservazione del patrimonio. Progettati utilizzando i nostri cinque anni di esperienza nella tecnologia degli occhiali intelligenti, i BT-300 portano significativi miglioramenti sia agli sviluppatori sia agli utenti.”

Related posts:

  1. Epson + Touring Club = Digitouring
  2. Prink e Epson insieme per darti la carica
  3. Progetto SPARK: realtà aumentata per il design
  4. Perché la Realtà Aumentata è il medium del futuro – Intervista a Mirko Compagno