La spesa per pubblicità su smartphone e tablet destinata a superare nel 2016 quella per i giornali.

Gen 31st, 2016 | Di Altri | Categoria: Imprese e Mercati


Sono i dispositivi mobili, come smartphone e tablet, la nuova frontiera del marketing digitale. Come riporta un comunicato di Yahoo, secondo ZenithOptimedia, nel 2016 la spesa globale per la pubblicità su dispositivi mobili supererà quella per la pubblicità sui giornali ed è sulla buona strada per sorpassare il settore desktop nel 2018.

E secondo una recente ricerca condotta da Flurry di Yahoo, l’uso e le preferenze di dispositivi mobile variano a seconda dell’area geografica, anche all’interno dell’Europa. Tra i dati più significativi che emergono dal report c’è il netto distacco tra i tre Paesi con la maggiore diffusione di dispositivi smart e tutti gli altri Paesi europei. Infatti, il Regno Unito, si piazza al terzo posto, con una diffusione del 130%, dietro a Paesi Bassi (136%) e Svezia (150%), che vantano tassi ben lontani dall’81% registrato nel paese al quarto posto della classifica, la Francia. Numeri indicativi, se si considera che una famiglia in media possiede 4 dispositivi mobili.

Secondo Yahoo, inoltre, il tempo impiegato sui dispositivi smart viene trascorso al 90% all’interno di app. Mentre è in aumento il numero totale delle sessioni, con una crescita del 36% nel Regno Unito tra ottobre 2014 e ottobre 2015.

In particolare, nel Regno Unito, gli utenti dedicano alle app di messaggistica e di social networking il 41% del tempo totale che passano usando le app, vale a dire quasi il doppio del tempo destinato ai giochi e quattro volte il tempo passato in app di musica, media e intrattenimento.

Related posts:

  1. EDICOLA ITALIANA diventa App: ogni giorno oltre 70 giornali e riviste sfogliabili su smartphone e Tablet
  2. il 51,5% degli italiani è on line, ma il dato cresce solo per smartphone o tablet
  3. #WeBike di WeWatt, pedalare per ricaricare smartphone e tablet
  4. Nasce Ubsound Fighter, auricolare per smartphone e tablet di ultima generazione