“Domani”, il nuovo giornale di Carlo De Benedetti esce il 15 settembre, diretto da Stefano Feltri

Set 14th, 2020 | Di Redazione | Categoria: Editoria


Un nuovo giornale si sta per affacciare sulla piazza mediatica italiana. Si chiama Domani ed è il nuovo giornale di Carlo De Benedetti. Una nuova avventura editoriale, online e cartacea, nata dalla società Editoriale Domani Spa di cui l’Ingegnere è unico azionista.

Il nuovo giornale, che debutta martedì 15 settembre, sarà di sinistra e progressista, una sorta di Repubblica-bis, a cui a suo tempo De Benedetti ha dato tutto. La guida della Fiat in veste di amministratore delegato, l’acquisizione di CIR, l’approdo alla Olivetti e l’arrivo a Espresso-Repubblica, nel 1990 la celebre “guerra di Segrate” tra lui e Silvio Berlusconi e molto altro. De Benedetti editore ha svolto un ruolo pregnante nell’evoluzione della sinistra italiana e ora è pronto a dire, indirettamente, ancora la sua.

Com’è nato Domani

Il 4 maggio 2020, in pieno Covid e a 85 anni, De Benedetti ha costituito a Torino la società “Editoriale Domani Spa” con un capitale di 10 milioni per lanciare il suo nuovo quotidiano di sinistra. Presidente della società è Luigi Zanda, ex tesoriere del Pd.

Il consiglio di amministrazione è composto da Giovanni Canetta, Federica Mariani, Massimo Segre, Virginia Ripa di Meana, Grazia Volo. Il 25 maggio 2020 la Domani Spa ha anche acquisito il 15% della casa editrice Skira Editore.
Chi è il direttore di Domani

Direttore della nuova testata giornalistica è Stefano Feltri, già vicedirettore del Fatto Quotidiano, giornalista che ha iniziato giovanissimo con Marco Travaglio, e direttore, da agosto 2019 a giugno 2020, del sito ProMarket.org creato dallo Stigler Center, il centro di ricerca guidato dal professor Luigi Zingales presso la University of Chicago – Booth School of Business.

Un giornale che nasce dopo la pandemia Covid, per rispondere a esigenze di informazione diverse, spiega Feltri, che avrà caratteristiche precise: “Un giornale con la testa sul web” ma che sarà anche di carta, un po’ il contrario dei giornali tradizionali che usano invece il web come vetrina.

Un giornale in cui le inchieste verranno decise con i lettori (da subito è stata creata una newsletter, “OggieDomani”, a cui pre-abbonarsi), con al centro temi quali l’ambiente, le disuguaglianze, il lavoro.

Una redazione con uguaglianza “quasi perfetta” tra uomini e donne (“Cercheremo di correggere il tiro e far fare carriera anche alle donne”). Un giornale pregiudizialmente non contro ad alcuno, né Governo né altri, spiega ancora il neodirettore Feltri, ma pronto ad attaccare laddove necessario.

Related posts:

  1. Al via la campagna stampa “Compra un giornale. Scegli l’informazione di qualità”
  2. Carlo Conti è il nuovo testimonial di Conte.it
  3. Debutta 5Stelle News. Anche i grillini hanno il loro giornale (digitale)
  4. Le donne italiane, un numero speciale di «Vanity Fair» diretto da Francesco Vezzoli