10 Trends in 2022: prospettive globali per il Business

Comprendere mentale per la comunità imprenditoriale statunitense. Per questo motivo, il team della Camera degli Stati Uniti segue attentamente le più grandi tendenze globali. Ecco alcuni dei principali

Con l’inizio del 2022, la tentazione di citare Dickens – è il migliore dei tempi e il peggiore dei tempi, ecc. – è più potente del solito. Per le imprese, la pandemia in corso e i rischi geopolitici (in primo luogo la minaccia di un’ulteriore invasione russa dell’Ucraina) sono in conflitto con la forte crescita economica e il progresso tecnologico.

Tutto presenta un intenso mix di sfide e opportunità. Il presidente e CEO della Camera di Commercio degli Stati Uniti Suzanne Clark ha evidenziato alcuni di questi problemi nel suo discorso sullo stato degli affari americani all’inizio di questo mese. Sul fronte internazionale osserva: “Per una misura fondamentale, il commercio, siamo fermi.

E questo significa che siamo rimasti indietro”. Clark spiega senza mezzi termini perché gli Stati Uniti devono dimostrare la leadership nel commercio internazionale nel prossimo anno. Comprendere l’ambiente globale è fondamentale per la comunità imprenditoriale statunitense.

Per questo motivo, il team della Camera degli Stati Uniti segue attentamente le più grandi tendenze globali. Ecco alcuni dei principali sulla nostra dashboard all’inizio del nuovo anno: Covid-19: Luce in fondo al tunnel? Mentre i casi di Covid-19 stanno raggiungendo nuove vette all’inizio del 2022, gli esperti vedono un punto di svolta nella pandemia.

Un importante grado di immunità da vaccinazioni e infezioni pregresse è ora diffuso nella maggior parte dei paesi e la variante Omicron, sebbene più trasmissibile rispetto ai suoi predecessori, sembra avere effetti meno gravi. Il coronavirus non più nuovo sarà con noi per il prossimo futuro, ma la crescente immunità e nuovi strumenti come gli antivirali alleggeriranno il suo onere e, si spera, consentiranno un rimbalzo più completo nei viaggi internazionali. Sfortunatamente, molti dei paesi meno sviluppati sono in ritardo nelle vaccinazioni.

La Camera e altri hanno esortato i funzionari statunitensi a non cedere fino a quando non sarà assicurato l’accesso universale ai vaccini. Crescita: Forte ma lenta. Riflettendo in parte la natura mutevole della pandemia, la crescita economica è rimbalzata fortemente nel 2021 a circa il 6% a livello globale, con la crescita degli Stati Uniti stimata allo stesso livello, la sua lettura più forte dal 1984.

Trilioni di dollari di sostegno fiscale agli Stati Uniti famiglie, governi statali e locali e imprese selezionate negli ultimi due anni hanno svolto un ruolo chiave in questi risultati. Sebbene lo spread di Omicron possa frenare la crescita all’inizio del 2022, il prossimo anno dovrebbe registrare una crescita robusta, anche se leggermente più lenta.

Inflazione: non solo “transitoria”. Negli Stati Uniti, il picco dell’inflazione è stata una sorpresa sgradita. Gli aumenti dei prezzi si sono rivelati politicamente impegnativi e più che semplicemente “transitori”.
 
La politica monetaria statunitense si sta già inasprindo e i mercati si aspettano che la Federal Reserve effettui molteplici aumenti dei tassi di interesse nel 2022. Questo cambiamento potrebbe frenare la crescita, così come l’inevitabile – e appropriato – calo del sostegno fiscale. In effetti, questa svolta nella politica fiscale è iniziata a metà del 2021 con una misura, ma continuerà nel prossimo anno.
 
Nel frattempo, il debito pubblico degli Stati Uniti ora supera il 120% del PIL. Commercio: il boom continua. L’espansione del commercio internazionale è sia una causa che un effetto della ripresa.
 
L’Organizzazione mondiale del commercio stima che il commercio mondiale di merci sia aumentato del 10,8% nel 2021 e prevede un aumento del 4,7% nel 2022. Il commercio è in aumento anche rispetto ai livelli pre-pandemia: le esportazioni di merci statunitensi nel 2021 hanno superato il livello del 2019 del 5% mentre le importazioni sono aumentate dell’11 %. In effetti, i principali porti statunitensi hanno trattato nel 2021 quasi un quinto del volume di container in più rispetto al 2019.
 
Il commercio di servizi presenta un quadro contrastante: il commercio digitale continua la sua robusta crescita, ma i viaggi e il turismo depressi continuano a rappresentare un freno per alcuni settori che sono grandi datori di lavoro.
 
Catene di approvvigionamento: lenta normalizzazione. La pandemia e la ripresa hanno generato sfide nella catena di approvvigionamento per prodotti che vanno dalla carta igienica e semiconduttori alle automobili e ai tubi in PVC.
 
Le cause includono i continui focolai di Covid-19 negli hub di produzione che hanno sopraffatto i porti statunitensi e una grave carenza di lavoratori. Forse il fattore più importante è stato l’aumento della domanda dei consumatori, alimentato dalla robusta risposta fiscale degli Stati Uniti alla pandemia. Sebbene la produzione sia aumentata notevolmente, anche per i prodotti che scarseggiano, non è stata sufficiente per soddisfare questa domanda in crescita.
 
Nel prossimo anno sono previsti miglioramenti graduali nelle sfide della catena di approvvigionamento. La Camera degli Stati Uniti sta sollecitando nuovi investimenti per modernizzare i porti, riforme per affrontare le sfide della nostra forza lavoro, nuovi finanziamenti per gli investimenti nei semiconduttori e sgravi tariffari (che dovrebbero aiutare a superare carenze e picchi di prezzo per prodotti selezionati).
 
Un possibile jolly: un’ulteriore interruzione incombe se Omicron si diffonderà in Cina. Cina: affari forti, ma aumentano le preoccupazioni. Può una tendenza paese? La Cina lo fa da diversi decenni ed è diventata il principale partner commerciale e fonte di investimento non solo nella maggior parte dei mercati indo-pacifici, ma anche in gran parte dell’Africa e dell’America Latina.
 
Alcune catene di approvvigionamento si sono trasferite fuori dalla Cina a causa delle tariffe statunitensi e dell’aumento del costo del lavoro, ma la maggior parte no; in effetti, molte aziende di tutto il mondo stanno rafforzando i loro legami commerciali e di investimento con la Cina. Tuttavia, l’amministrazione Biden ha raccolto il testimone dal suo predecessore per sollevare preoccupazioni non economiche, compresi i diritti umani e le questioni di sicurezza nazionale associate alla tecnologia, al commercio e alle pratiche di investimento cinesi.
 
Altri governi in tutto il mondo condividono sempre più queste preoccupazioni. Accordi commerciali: moltiplicazione. Un’altra tendenza importante è stata la proliferazione di accordi commerciali, ma non di accordi con gli Stati Uniti. Entrando in vigore il 1° gennaio, il partenariato economico globale regionale (RCEP) eliminerà oltre il 90% delle tariffe sul commercio tra 15 nazioni dell’Asia e del Pacifico. Nel frattempo, la Trans-Pacific Partnership (TPP) di 11 paesi sta attirando nuovi candidati, tra cui Regno Unito, Corea del Sud, Taiwan e Cina. L’UE ha ora 46 accordi commerciali con 78 paesi.
 
Al contrario, gli Stati Uniti hanno appena 14 accordi commerciali con 20 paesi e non hanno firmato un patto commerciale globale con un nuovo partner in un decennio. Per garantire che i lavoratori e le industrie americane possano competere a livello globale, la Camera degli Stati Uniti sta spingendo affinché gli Stati Uniti tornino in gioco sul commercio e negozino nuovi accordi commerciali di apertura del mercato.
 
Digitalizzazione: in accelerazione. Nel 2020, si stima che il traffico Internet globale sia superiore a 3 zettabyte, o 3 trilioni di gigabyte, e sarà più grande del 50% nel 2022.
 
Questa tendenza sta creando nuove sostanziali opportunità per le aziende americane di tutte le dimensioni e di diversi settori, incluso un host di piccole imprese e fornitori di servizi, e non solo di aziende tradizionalmente considerate “società Internet”. In effetti, la digitalizzazione sarà fondamentale per la competitività degli Stati Uniti in una serie di settori, dalla finanza e assistenza sanitaria alla logistica e all’intelligenza artificiale. Tuttavia, i governi stanno prendendo sempre più in considerazione misure di governance dei dati che vanno ben oltre la tradizionale regolamentazione sulla privacy.
 
Queste misure possono essere discriminatorie e spesso includono misure di localizzazione dei dati che minano la crescita e possono bloccare l’emergere di interi nuovi settori. La Camera degli Stati Uniti sta esortando gli Stati Uniti a collaborare con altri per fermare la proliferazione di nuove barriere commerciali digitali, anche attraverso la negoziazione di un accordo commerciale digitale. Investimento diretto: in ripresa.
 
I flussi di investimento sono rimbalzati a livello globale nel 2021 e gli investimenti diretti esteri negli Stati Uniti hanno superato i livelli pre-Covid. Gli Stati Uniti sono stati il ​​principale destinatario di IDE nel periodo 2019-2021, principalmente a causa di maggiori investimenti diretti da Giappone, Germania e Paesi Bassi. Per mantenere la propria posizione di calamita per gli investimenti internazionali, gli Stati Uniti hanno bisogno di politiche fiscali, normative, della forza lavoro e commerciali competitive. Il mondo non sta fermo: altri paesi stanno affinando i propri vantaggi competitivi.
 
Transizione energetica: carica in anticipo. I costi dell’energia pulita continuano a diminuire e nuovi investimenti storici in aree come lo stoccaggio di energia, il nucleare avanzato e le tecnologie dell’idrogeno promettono di accelerare questo progresso. Allo stesso tempo, il ruolo del gas naturale come combustibile ponte ha guidato una quota enorme della riduzione delle emissioni di carbonio negli Stati Uniti e in Europa, e questo processo ha il potenziale per guidare ulteriormente la decarbonizzazione globale nel prossimo decennio.
 
Nel frattempo, la recente attenzione ai minerali strategici necessari per supportare queste nuove alternative energetiche, tra cui cobalto, rame, litio, nichel e terre rare, diventerà solo più acuta.
 
Le aziende minerarie globali potrebbero dover aumentare la produzione di questi minerali del 500% nel prossimo decennio per raggiungere gli obiettivi climatici, eppure gli investimenti nelle miniere sono diminuiti drasticamente negli ultimi cinque anni.
 
La Camera degli Stati Uniti sta esortando gli Stati Uniti a lavorare a stretto contatto con gli alleati, inclusi paesi come Australia, Brasile, Canada e Vietnam che ospitano ampie risorse minerarie, per garantire che l’offerta soddisfi la domanda. Queste tendenze avranno enormi implicazioni per il business globale nel prossimo anno. In ogni caso, è più importante che mai che la voce degli affari statunitensi su queste questioni globali sia ascoltata e la Camera degli Stati Uniti si assicurerà che lo sia.
 

 

Contatti

Address

Via Andrea Costa 7, Milano, 20131 Milano IT

Phone

Phone: +39 02.2610052

Email

redazione@marketingjournal.it