5 esperienze inusuali di pubblicità per ristoranti

Gen 23rd, 2020 | Di Redazione | Categoria: Adv insolita e creativa

Nella marketing dei ristoranti si applicano strategie insolite per fare pubblicità al ristorante e attirare clienti. Ecco allora nascere esperienze gastronomiche a dir poco fuori dall’ordinario: eccone una rassegna da cui puoi prendere ispirazione!

#1- Mangiare in luoghi insoliti

Al circo, in farmacia o in un museo? Molti ristoranti hanno puntato su luoghi insoliti dove mangiare, rendendo così l’esperienza gastronomica un’esperienza sensoriale a tutti gli effetti.

Qualche esempio? L’Heart di Ibiza, combina la cucina creativa di Ferrán Adriá con mise en scène del Cirque du Soleil. I clienti attraversano 3 ambienti popolati da personaggi surrealisti, tavoli animati e piatti policromatici.Il

Pharmacy, situato nel Museo Newport Street di Londra, proietta in una specie di laboratorio scientifico tra pastiglie, medicine e vetrini. Ad averlo creato è l’artista Damien Hirst, del quale sono le opere all’interno del locale.

#2- Cavallette & Co

Ci sono ristoranti che puntano su cibi insoliti piuttosto che sulle location e gli insetti sono senz’altro quelli più popolari! Indicati da molti come il cibo del futuro hanno da tempo un posto d’onore nella tradizione gastronomica di Messico e Asia, ma la moda si sta espandendo.

In Gran Bretagna, il ristorante Grub’s Kitchen è un esempio emblematico con i suoi noti hamburger di cavallette.

In USA lo chef David George Gordon propone degustazioni di termiti o tarantole, mentre in Colombia nel ristorante Leo si può provare dell’ottima polvere di formiche

#3- Vomiting Buns

Sempre in tema di pietanze sui generis, l’Asia fa scuola e punta sul mondo social. Un caso di studio interessante è il ristorante Yum Cha di Hong Kong, che per attrarre i clienti più giovani ha creato i cosiddetti Vomiting Buns, panini con faccine graziose che vomitano crema dolce

#4- La pasta … non pasta

Si tratta degli Zoodles, termine che deriva dalla combinazione di zucchine e noodle. Altro non sono che spaghetti realizzati con zucchine, carote o barbabietole. Una reinterpretazione della pasta che segue il trend della cucina veg e healthy. Cercateli sui social e troverete decine di immagini e ricette per realizzarli anche a casa.

#5- I cocktail

I cocktail stanno diffondendosi sempre più sulle tavole dei ristoranti italiani, non solo come aperitivo e dopocena, ma anche durante il pasto. E c’è chi riesce a renderli sorprendenti. Un esempio che ci viene dall’esperienza internazionale è quello del bartender dell’ Artesian Bar di Hong Kong, Rajendra Rush Limbu, che ha puntato all’effetto sopresa, creando versioni di opere storiche per il Festival Art Basel. Il risultato? La persistenza della memoria di Salvador Dalí, fatta di mezcal, Grand Marnier e succo d’arancia e molte altre opere eccezionali da bere.

Related posts:

  1. I ristoranti più esclusivi (e costosi) al mondo
  2. Osservatorio The Fork: le prenotazioni on line dei ristoranti salgono del 141% al Sud Italia
  3. Negozi di domani: sempre più innovativi e funzionali, per creare nuove esperienze e relazioni
  4. Parte “Ristoacasa”, la vetrina digitale dei ristoranti che fanno il food delivery ed una indagine FIPE ad hoc