Alicia Lubrani, Axpo Italia: “L’energia della comunicazione è insostitubile. Specie nelle crisi”

Mag 2nd, 2020 | Di Redazione | Categoria: Interviste


Non c’ è stato alcuno stop della comunicazione e del marketing. “Che invece sono rimasti un elemento portante di questa fase di transizione, inevitabilmente critica per il Paese e per molte delle nostre aziende clienti, specie le piccole e medie imprese”.

A raccontarlo è Alicia Matilda Lubrani, direttore marketing di Axpo Italia, marchio di un player internazionale di lunghissimo corso del mercato dell’energia, Axpo, che è approdato in Italia nel 2000 e ora è presente da ottobre dell’anno scorso anche con il brand ‘fully digital’ Pulsee.

Quasi 2,4 miliardi di fatturato, due brand in campo su elettricità e gas
A febbraio, prima che Covid-19 diventasse pandemia, l’azienda aveva ufficializzato i dati sull’andamento economico. Axpo Italia nell’anno fiscale 2018/2019 ha raggiunto quota 2,378 miliardi di euro (+70%) di fatturato. L’anno scorso racconta Lubrani, “Axpo ha fatto investimenti nell’adeguamento tecnologico delle infrastrutture IT e nella trasformazione digitale di tutti i processi, in partnership con Accenture, implementando SalesForce e SAP-ISU soluzione leader di mercato”.

In questo momento, Axpo Italia è il quarto operatore nel mercato libero, con oltre 400 mila utenze (+30% su base annua), con oltre 13TW di ‘power’ dispacciato su base annua (circa 5% fabbisogno italiano) e oltre 30TW di gas su base annua (circa 5% fabbisogno italiano). Nel posizionamento è parte integrante il rispetto per l’ambiente: “E’ un aspetto chiave della politica di sviluppo aziendale – continua la manager – adottare le migliori tecnologie disponibili in ambito di efficienza energetica e riduzione dell’impatto ambientale”.

Anche la comunicazione interna è indispensabile
In questo periodo, ribadisce Lubrani “c’è stata una forte accelerazione su tutta la comunicazione, sia quella diretta all’esterno, ai nostri clienti, sia trade che consumer, che quella indirizzata a tutte le trecento persone che lavorano con noi” continua la manager.

“La nostra azienda, le nostre centrali non si sono mai fermate, forniamo un servizio essenziale. Abbiamo identificato la comunicazione interna come un aspetto rilevante e abbiamo definito una fitta agenda di appuntamenti, un vero e proprio piano editoriale, perché anche in questa fase che sta prolungandosi ed estendendosi è importante che la leadership continui a trasmettere la consapevolezza che stiamo svolgendo un servizio essenziale per il Paese.

E non devono affievolirsi il senso di appartenenza e la cognizione di fare parte di un progetto comune. E così abbiamo prodotto un palinsesto ‘quarantena’ che va dall’entertainment per genitori e figli, alle classi di fitness online e alle playlist dedicate su spotify per tutta la popolazione aziendale”.

Non è stato complicato per Axpo, lavorare nella nuova modalità ‘distanziata’ imposta da Covid-19. “Eravamo già preparati allo smart working – racconta Lubrani – perché una quota importante del nostro lavoro si svolge lontano da una sede fisica. Il primo test probante, poi, lo avevamo fatto due anni fa, in un’altra occasione drammatica.
Abbiamo una sede commerciale a Milano e una a Roma, ma il nostro head quarter è a Genova, e così già dopo il crollo del ponte Morandi, il 14 agosto del 2018, quando la città si era praticamente divisa in due, l’azienda aveva dovuto sperimentare a fondo il lavoro in remoto”.

Media mix articolato

Sulla comunicazione esterna, Axpo, usa molto il digital ed i social, ma dispiega comunque i propri messaggi su un bouquet allargato di media. Spiega Lubrani “Abbiamo usato la televisione per il lancio di Pulsee e siamo tuttora in campagna su Mediaset, La7 e Sky. Abbiamo infatti aderito all’iniziativa di ‘Solidarietà digitale’ del ministero dell’innovazione e della trasformazione digitale e offriamo a tutte le famiglie italiane un mese di bolletta interamente gratuita, compresa la parte di tasse e accise che ne è una componente rilevante”.

Sui social, su Instagram in particolare, in piena Fase 1, Axpo ha sponsorizzato ‘Miss e Mister Quarantena’ lanciato su IGTV dall’influencer milanese, Tommaso Zorzi. “Un format in linea che il periodo che stiamo vivendo, che punta sulla leggerezza per distrarre dal contesto drammatico, e che ha tutto quello hanno i migliori programmi televisivi. E’ un’iniziativa che abbiamo condotto con gli autori di ‘Pechino Express’ e sta andando molto bene, con tante views ed un’interazione molto alta sui nostri canali digital che per il meccanismo del format sono deputati a ospitare la votazione di mister e miss”.

Virtualizzare gli eventi fisici non è banale

Nel media mix di Axpo, una quota strategica di impegni è quella dedicata agli Eventi. “In questo momento, in attesa di potere tornare alla normalità – dichiara Lubrani – siamo impegnati a trasformare la quota di comunicazione ed attività che espletavamo attraverso gli eventi fisici in eventi virtuali.

Utilizzeremo piattaforme molto evolute da un punto di vista tecnologico, perché non è banale mettere insieme e fare interagire realmente un centinaio persone: devi avere una buona idea di base, un’ottima connessione, ma rispettare anche certi temi di sicurezza”. Prossime settimane e prossimi mesi? “Staremo vicini a tutti i nostri clienti. I big, la clientela consumer, e indubbiamente tutti gli altri. Abbiamo tante pmi e – conclude Lubrani – siamo pronti a supportare la loro resilienza e la loro ripartenza”.

Related posts:

  1. Manageritalia, comunicazione di crisi: gli errori compiuti e le azioni da intraprendere
  2. Beyond the Rules: è in rosa la comunicazione che sconfigge la crisi
  3. Manuale di comunicazione ai tempi del COVID: un’iniziativa solidale per trasformare la crisi in un’opportunità di crescita
  4. #ITALIASÌ e #ITALYYES: il Club del Marketing e della Comunicazione lancia due hashtag per sostenere la ripresa dell’Italia