Amnesty International contro la violenza domestica con un filmato stile anni 10 di Charlie Chaplin

Dic 6th, 2019 | Di Redazione | Categoria: Pubblicità Sociale

Si potrebbe pensare che la forza di queste campagne stia esclusivamente nel messaggio, beh non si potrebbe fare errore più grande. Certo il messaggio rimane centrale in ogni spot e, soprattutto ultimamente, appare l’unico elemento capace di ricondurre al filone del no-profit. La vera novità è la struttura e le tecniche del video, sempre più complesse e ricche di contenuti.

Ma cosa rende questi spot così efficaci e, soprattutto, quali sono gli elementi da non dimenticare per costruire una campagna sociale di successo?
Realtà o finzione?

Diciamocela tutta, non stiamo parlando dei temi più leggeri e divertenti del mondo, questo è poco ma sicuro. Quindi, come si può rendere appetibile e, soprattutto, ricordabile un video che ti fa pensare alla violenza, allo sfruttamento o ai problemi della società? Amnesty International France ha individuato un elemento capace di risolvere il problema: il cinematografo per dirla alla francese ;).

A primo impatto sembra di trovarsi davanti a un film muto degli anni ’10 del Novecento: simpatico, musicalmente coinvolgente e ricco di gag alla Charlie Chaplin. A guardarlo meglio, invece, si scopre la violenza domestica, la difficoltà di denuncia fino alla grottesca deformazione della vita quotidiana. Che dire, Amnesty ci sa proprio fare!

Related posts:

  1. Amnesty International: “You can do more than celebrate”
  2. Trasformare un gesto di violenza contro le donne in una campagna contro la violenza sulle donne
  3. Refuge contro la violenza sulle donne
  4. Panchine rosse, cortei, mostre, corsi: un 25 novembre di iniziative in tutta Italia per la giornata mondiale contro la violenza sulle donne