Amnesty International: “You can do more than celebrate”

Nov 28th, 2019 | Di Redazione | Categoria: Pubblicità Sociale


Non esistono solo campagne commerciali. Negli ultimi anni, infatti, ha preso piede una nuova tipologia di spot che si distacca totalmente dai video creati appositamente per la promozione del brand: lo spot no-profit. Appartenenti alla categoria del marketing non convenzionale, questi prodotti sono riusciti a emergere in un contesto saturo di comunicazione grazie ad alcune caratteristiche peculiari che li distinguono.

Così Amnesty International affema che si può fare di più che celebrare i 60 anni di dichiarazione dei diritti umani

Si potrebbe pensare che la forza di queste campagne stia esclusivamente nel messaggio, beh non si potrebbe fare errore più grande. Certo il messaggio rimane centrale in ogni spot e, soprattutto ultimamente, appare l’unico elemento capace di ricondurre al filone del no-profit. La vera novità è la struttura e le tecniche del video, sempre più complesse e ricche di contenuti.

Related posts:

  1. Amnesty International contro la violenza domestica con un filmato stile anni 10 di Charlie Chaplin
  2. GreenPeace dichiara guerra a Dove contro il disboscamento dovuto alla raccolta di olio di palma
  3. Dove ha realizzato una campagna per incoraggiare le donne a non avere paura di foto e video
  4. “Abbandonarmi è un reato. Testimonia!”: la nuova campagna di Enpa