Bartering: per le aziende un’opportunità di ripartire con l’Adv

Ott 1st, 2021 | Di Redazione | Categoria: CATEGORIA B, Comunicazione, Marketing


Diversi studi segnalano come in Italia l’advertising abbia grandi potenzialità di sviluppo. Il report Global Ad Spend Forecasts di Dentsu International, per esempio, prevede una crescita del mercato adv del 6% nel 2021.

La progressiva ripartenza di gran parte dei settori ha dato una spinta al mercato pubblicitario, ma si tratta di una spesa a cui molte aziende ancora non si avvicinano, in attesa di una più solida stabilizzazione post lockdown.

Una soluzione, ancora poco conosciuta, che permette alle aziende di investire in pubblicità senza intaccare la liquidità è quella del bartering o cambio merce pubblicitario. Si tratta di una pratica sempre più utilizzata perché efficace e conveniente, che prevede che le aziende acquistino spazi pubblicitari in cambio di propri prodotti o servizi. Un meccanismo che produce un valore aggiunto inespresso e permette a tutti i soggetti coinvolti di trarne benefici.

Fra le diverse realtà che si occupano di bartering, da oltre 15 anni Acquazzurra Spa opera sul mercato italiano ed è ormai diventata un punto di riferimento nel panorama nazionale, distinguendosi per serietà e competenza, con partnership di lunga data con le principali agenzie e centri media nazionali. L’approdo in Borsa Italiana lo scorso maggio 2021 le ha permesso di confermare la propria posizione competitiva nel mercato del bartering, consolidare la trasparenza e rafforzare la struttura manageriale.

La società ha sede a Milano ed è attiva dal 2004 come intermediario tra le concessionarie pubblicitarie e le aziende inserzioniste interessate ad acquistare spazi pubblicitari sui maggiori media, consentendo loro di investire in promozione attraverso campagne locali e nazionali, ricevendo come pagamento dall’azienda cliente beni o servizi. La merce ricevuta viene poi riallocata da Acquazzurra , per essere poi rivenduta al dettaglio a privati o a compratori professionisti italiani ed esteri (grossisti), nel rigoroso rispetto del posizionamento concordato con il cliente/inserzionista,

La società ha sede a Milano ed è attiva dal 2004 come intermediario tra le concessionarie pubblicitarie e le aziende inserzioniste interessate ad acquistare spazi pubblicitari sui maggiori media, consentendo loro di investire in promozione attraverso campagne locali e nazionali, ricevendo come pagamento dall’azienda cliente beni o servizi. La merce ricevuta viene poi riallocata da Acquazzurra , per essere poi rivenduta al dettaglio a privati o a compratori professionisti italiani ed esteri (grossisti), nel rigoroso rispetto del posizionamento concordato con il cliente/inserzionista,

Questa soluzione è utile per tutte le imprese che desiderano dare visibilità al loro brand, senza utilizzare liquidità corrente ma cedendo la propria merce. Ma non solo: l’azienda che si affida al bartering di Acquazzurra allo stesso tempo acquisisce nuovi canali di vendita, aumentando così il fatturato valorizzando il magazzino.

Acquazzurra è in grado di offrire soluzioni su misura adatte sia alle piccole/medie imprese che a grandi multinazionali, con un focus particolare su prodotti e brand di qualità: ad oggi gli inserzionisti sono realtà importanti che operano in diversi settori, tra cui arredamento, lifestyle, automotive, food & wine e tecnologia.

Related posts:

  1. Come gli NFT stanno diventando un’opportunità per marketer e brand
  2. Le aziende data-driven e i mestieri del futuro. Nasce #DataJobs: “La giornata tipo di chi lavora con i numeri”
  3. Aziende italiane, è giunto il momento della Diversity Transformation
  4. Lo stato del marketing digitale in Italia: nuova indagine di Mapp per scoprire i cambiamenti strategici delle aziende durante la pandemia