Batman compie 80 anni, celebrato in 12 città del mondo con il Bat-segnale

Set 23rd, 2019 | Di Redazione | Categoria: Breaking News


Il simbolo del pipistrello proiettato sui palazzi e grattacieli in tutte le città del mondo. Si sono festeggiati così gli ottant’anni di Batman, l’eroe creato da Bob Kane e Bill Finger e che arrivò sulla terra nel 1939 sul n. 27 della testata Detective Comics. Una copia dell’albo di esordio ha raggiunto quotazioni di quasi 1,4 milioni di dollari, la seconda più alta mai raggiunta per un fumetto.

Il cavaliere oscuro, con un mantello ad ali di pipistrello che Kane realizzò ispirato da alcuni disegni di Leonardo da Vinci. Batman resta mortale, il suo super poter è quello di una scelta. “I criminali sono codardi e superstiziosi. Il mio travestimento dovrà infondere terrore nei loro cuori. Dovrò essere una creatura della notte, nera, terribile”.

Le città di tutto il mondo hanno celebrato i suoi ottant’anni proiettando il Bat Segnale sui palazzi e nel cielo notturno delle città in tutto il mondo (Dccomics.com/batman80). L’appuntamento era alle 20 ora locale, all’inizio della sera. La prima a partire è stata Melbourne in Australia, nella Federation Square di fronte a Flinders Street, nove ore dopo è toccato Londra, 14 ore più tardi a New York. E poi Tokyo, Johannesburg, Berlino, Roma e Londra, tra le metropoli principali.

Gli appuntamenti erano stati preannunciati. Tokyo (all’incrocio di Shibuya), Berlino (Potzdamer Platz 11), Roma (Piazza dei Cinquecento, Facciata RomaTermini, nella foto), Parigi (Galeries Lafayette), Barcellona (Museu Nacional d’Art de Catalunya), Londra (Senate House), San Paulo (presso Itaúsa - LMB), New York (Domino Sugar Refinery), Montreal (Complex Dupuis), Città del Messico (Torre Reforma), Los Angeles (City Hall).

Related posts:

  1. Tra le 10 città più visitate d’Europa, Milano è quinta ed al sedicesimo posto nel mondo
  2. L’Ansa compie 75 anni, la sua storia in breve
  3. Blob compie 30 anni. La Rai lo festeggia con cinque appuntamenti
  4. ‘Unrating Vienna’. La geniale campagna che utilizza i commenti negativi per promuovere la città