Best Brands Italia torna a marzo 2021 e fotografa le performance delle marche nell’anno del Covid

Set 27th, 2020 | Di Redazione | Categoria: Premi e Riconoscimenti


Best Brands Italia si allinea con le altre edizioni internazionali, presenti in Germania, Francia, Belgio, Cina, Russia, spostando il suo calendario da novembre 2020 a marzo 2021.

In questo modo il ranking che prevede sia un’analisi dell’andamento economico sia un’approfondita serie di interviste ai consumatori, ci darà una fotografia della salute delle marche a fine 2020, un anno sicuramente particolare che ci darà spunto per valutazioni aggiuntive oltre a quelle che normalmente condividiamo.

“La collocazione a novembre della classifica italiana era oggetto di riflessione già da qualche tempo – dichiara Giovanni Ghelardi, CEO e Partner di Serviceplan Group Italia

– perché era l’unica a svolgersi nella seconda metà dell’anno, disallineata rispetto alle altre. Ora, anche per motivi di ovvia prudenza rispetto al Covid, è l’occasione per riportare tutto in pareggio”.

Molti i vantaggi della nuova data che permette un prezioso confronto internazionale senza gap temporali e, ancora più importante, i dati e le interviste su cui GfK basa le classifiche si collocheranno ad anno solare appena concluso, consentendo, da qui in avanti, anche alle aziende una più agevole e coordinata possibilità di raffronto e analisi dei risultati.

Quindi l’edizione di marzo 2021 fotograferà “testa e cuore” delle marche misurati a conclusione dei 12 mesi del 2020.

Inalterata la formula che ha permesso a Best Brands di crescere costantemente nell’attenzione del mondo imprenditoriale e dei media: definire la classifica dei Brands attraverso un algoritmo esclusivo GfK, che integra i risultati economici con la capacità del marchio di parlare al “cuore” dei consumatori.

Confermate le classifiche storiche Best Corporate Brand, Best Product Brand, Best Growth Brand e, considerato il successo dell’ultima nata nel 2019, Best Digital Life Brand, si è deciso di ripeterla anche quest’anno. Il comitato tecnico è al lavoro proprio in questi giorni per definire la classifica speciale della nuova edizione che verrà comunicata a breve.

Proseguono i lavori del Best Brands Club, lanciato l’anno scorso, con l’idea di “uno sguardo dietro le quinte”: di fatto, un tavolo di lavoro virtuale in cui a parlare sono i Best Brands stessi, perché l’obiettivo è capire dalla viva voce dei protagonisti come si fa oggi a diventare e rimanere un Best Brand.

Un punto fisso della serata di Gala rimane la consegna dell’ Innovation Award, il riconoscimento che i partner di Best Brands assegnano alla realtà che meglio rappresenta l’innovazione nell’idea e nei fatti. Premio assegnato l’anno scorso a Satispay, player a cui si deve molto nel cambiamento nelle nostre abitudini di pagamento, peraltro riferimento prezioso proprio nei mesi della pandemia.

Best Brands raccoglie anche per la 6° edizione il supporto di grandi realtà del mondo dei media e della comunicazione che affiancano Serviceplan e GfK: Rai Pubblicità, 24ORE System, IGP Decaux e ADC Group. Significativo il patrocinio di UPA confermato anche per questa edizione.

Per informazioni è consultabile il sito: www.best-brands.it

Albo d’oro Best Brands Italia

2015 Best Corporate Brand FERRERO

Best Product Brand COCA COLA

2016 Best Corporate Brand FERRERO

Best Product Brand BARILLA

Best Growth Brand RIGONI DI ASIAGO

2017 Best Corporate Brand FERRERO

Best Product Brand SAMSUNG

Best Growth Brand HUAWEI

Best Millennials Brand MULINO BIANCO

2018 Best Corporate Brand FERRARI

Best Product Brand LEGO

Best Growth Brand GALBUSERA

Best Golden Age Brand FINDUS

2019 Best Corporate Brand FERRERO

Best Product Brand COCA COLA

Best Growth Brand JBL

Best Digital Life Brand AMAZON

Related posts:

  1. Crescono i consumi bio (+8% nell’ultimo anno) in Italia ma è ancora nicchia
  2. Il valore dei brand italiani cresce del 14% in un anno secondo BrandZ Top30 Most Valuable Italian Brands 2019
  3. Effetto Covid sull’industria alimentare. Centromarca: per fine anno c’è preoccupazione; il 62% delle aziende prevede una contrazione del giro d’affari
  4. World’s Top 50 Most Valuable Luxury & Premium Brands: Porsche ancora primo, seguito da Gucci e in terza posizione Louis Vuitton, ma il lusso rischia una perdita di brand value