Bestemmie sui manifesti della mostra sulla blasfemia a Napoli

Set 27th, 2021 | Di Redazione | Categoria: Comunicazione, Marketing, Unconvetional Marketing


Ha fatto molto discutere la campagna apparsa in questi giorni a Napoli per lanciare la “mostra sulla blasfemia”, co-promossa dall’Assessorato alla cultura della città.

Nei manifesti, che richiamavano le grafiche di prodotti famosi e che avrebbero dovuto essere il traino per la mostra organizzata al palazzo delle Arti di Napoli, erano infatti presenti delle bestemmie.

Dopo le feroci proteste, i manifesti sono stati rimossi e non poteva essere diversamente, questo i creatori della campagna lo sapevano benissimo e dimostra che l’iniziativa poteva avere solo un fine provocatorio.

Anche se normalmente apprezzo le provocazioni e mi piace il velato omaggio alla Pop Art nella creatività di questa campagna, non posso dire che mi sia piaciuta.

Questo perché una provocazione dovrebbe far riflettere e non offendere, non penso che l’Arte possa fare o dire ciò che vuole, disinteressandosi se facendolo urta la sensibilità altrui.

#marketing
#comunicazione
#FortunatoMonti
#NoSignal-ComunicareMALEsuiSocial

Fortunato Monti
Web & Social Marketer & Content Creator
fortunato.monti@gmail.com

Related posts:

  1. Guerrilla marketing a Napoli: un’«Onda Top Secret» di manifesti in città aspettando il 24 giugno
  2. “Un popolo di pecore genera un governo di lupi”, manifesti riaccendono la speranza in Calabria
  3. Manifesti a Bari con il messaggio ‘Stringimi più forte’: l’idea per celebrare l’uscita dell’album di ‘Junior V’
  4. Best Brands Club: è partito il tavolo di lavoro sulla comunicazione per la costruzione della marca con il Patrocinio UPA