Branson ha inaugurato l’era del turismo nello spazio, per Jeff Bezos oggi è il giorno del lancio di Blue Origin

Lug 20th, 2021 | Di Redazione | Categoria: CATEGORIA B


L’11 luglio 2021 è stata una data storica per il turismo: il miliardario britannico Richard Branson, fondatore di Virgin Galactic, è il primo uomo a compiere un viaggio spaziale per turisti, anticipando di 9 giorni l’impresa analoga che compierà Jeff Bezos di Amazon con Blue Origin e battendo sul tempo anche la Space X di Elon Musk.

La navicella spaziale Spaceflight Unity 22 ha compiuto il viaggio decollando dalla base operativa della Virgin Galactic situata all’interno dello Spaceport America, nel deserto del New Mexico, alle 16:30 locali, superando gli 80 chilometri di altezza che segnano l’uscita dall’atmosfera terrestre per gli standard USA e l’inizio dell’assenza di gravità.

La navicella è rientrata dopo circa un’ora in totale sicurezza. A bordo insieme a Branson un equipaggio di due piloti Dave MacKay e Michael Masucci, più tre dipendenti della Virgin Galactic ovvero l’ingegnere Colin Bennet, l’istruttrice Beth Moses e la vicepresidente della Virgin, Sirisha Bandla.

Unity 22 ha viaggiato agganciata a una nave madre, la “WhiteKnightTwo”, che l’ha portata a un’altitudine di circa 12 milametri: da lì, una volta sganciata, la navicella ha attivato i motori a razzo per raggiungere il limite dello spazio esterno fino agli 89 chilometri di altezza.

Forse non è stato ancora tecnicamente un viaggio nello spazio, che per gli standard internazionali è fissato a 100 km d’altezza e non a 80, ma è sicuramente l’inizio di una nuova tipologia di viaggi per turisti, per ora accessibili solo a un pubblico di alto lusso.

Conto alla rovescia per il decollo della New Shepard da una ’small town’ del Texas

È tutto pronto per il primo lancio con equipaggio della New Shepard, il veicolo riutilizzabile composto da una capsula e un razzo suborbitale chiamato così in onore dell’astronauta Alan Shepard, il primo americano ad andare nello spazio.

Il decollo è previsto per oggi 20 luglio 2021 per le ore 15:00 (ora italiana) con a bordo 4 persone. Insieme allo stesso Jeff Bezos, fondatore di Amazon e della società spaziale Blue Origin, e a suo fratello Mark, ci saranno l’82enne Wally Funk, pioniera dell’aviazione, della missione Mercury 13, selezionata dalla Nasa, ma mai partita e il 18enne Oliver Daemen che diventeranno rispettivamente la più anziana e il più giovane turista spaziale.

“Abbiamo esaminato tutti i sistemi del veicolo, inclusi hardware, software, procedure e preparazione dell’equipaggio. New Shepard è pronto a volare”, ha detto Steve Lanius, direttore di volo di Blue Origin, durante l’ultima conferenza stampa.

Tutto è pronto per dare il via al primo volo suborbitale con equipaggio per il razzo della Blue Origin che raggiungerà una quota di 106 chilometri (16 chilometri più in alto del volo della Virgin Galactic dell’11 luglio) facendo sperimentare per circa 10 minuti all’equipaggio la condizione di microgravità, la stessa mancanza di peso che provano gli astronauti a bordo della Stazione Spaziale Internazionale ISS), per circa tre minuti.

La capsula è completamente automatizzata, e dunque a bordo non ci saranno né piloti collaudatori né ingegneri di volo.

Il volo, che segue di pochi giorni il successo analogo ottenuto dalla Virgin Galactic con a bordo Richard Branson, coincide con il 52esimo anniversario dello storico allunaggio di Apollo 11.

Si tratta del primo volo commerciale umano per la società spaziale di Bezos che ha già comunicato di avere altri clienti: “Abbiamo intenzione di effettuare altri due voli quest’anno e molti altri in futuro. Abbiamo già una lista di clienti interessati”, ha annunciato Ariane Cornell, direttrice delle vendite dei voli umani di Blue Origin di cui, a differenza di quelli con Virgin Galactic i cui recenti biglietti sono stati venduti a 250mila, non si conosce il costo.

L’unico dato comunicato è che uno dei 4 posti del lancio inaugurale è stato venduto all’asta per 28 milioni ma l’anonimo vincitore si è poi dovuto tirare indietro per questioni di incompatibilità di impegni lasciando così il posto al giovane Daemen.

Il sogno di Bezos diventa realtà dopo 15 voli di prova nello spazio effettuati con successo dai razzi New Shepard dal 2015, tutti senza equipaggio

Blue Origin porta il turismo spaziale in una ’small town’ del Texas Il sito di lancio di Blue Origin, l’azienda fondata da Bezos nel 2000, si trova a circa 25 miglia fuori di Van Horn, una piccola città di circa 1.800 abitanti tra le pendici delle Guadalupe Mountains su quello che una volta era un desolato ranch del deserto.

Related posts:

  1. Blue Garden, retail park sostenibile con Save The Planet Onlus
  2. Recarlo presenta la nuova collezione di gioielli Blue Carpet Gallery
  3. Pepsi ha inaugurato la finale di UEFA Champions League insieme alla star Marshmello
  4. Fondamentali solidi per il mercato nautico, che punta sulla Blue Economy