Buon Compleanno Philip Kotler! Il padre del Marketing Moderno. Alcune sue frasi celebri

Mag 27th, 2021 | Di Redazione | Categoria: CATEGORIA B, Marketing


Il 27 maggio 1931 nasceva Philip Kotler a Chicago, considerato il “padre del marketing moderno”.

Uno sguardo curioso ed estremamente attuale, quello del Professore, che abbiamo conosciuto a partire dal 2015 nella appassionante avventura del Philip Kotler Marketing Forum. C’è un aspetto che sempre mi ha colpito di Kotler, in questi anni di stretta collaborazione: il guru del marketing, a 90 anni, ogni volta che parla con un interlocutore, prende appunti.

Ricordo che un giorno, non avendo nulla da scrivere, mi chiese un biglietto da visita pur di appuntarsi alcune riflessioni di un giovane studente. In quelle note appuntate di fretta, su un foglio di carta, per non perdere nulla, ho avuto modo di sperimentare l’autorevolezza di chi sa essere Maestro attraverso curiosità e passione. E dall’umiltà di chi sa che c’è sempre qualcosa che può essere messo in discussione. Ed indicare una strada diversa.

Nel fare gli auguri al prof. Kotler, desidero condividere con voi alcune sue riflessioni in incipit dell’edizione italiana all’Autobiografia, all’interno del quale si racconta come la rivoluzione del business che lui ha rappresentato nasca prima di tutto dalla consapevolezza e sensibilità di un “economista e scienziato sociale”, dalla responsabilità di un uomo nei confronti delle future generazioni.

Scrive Kotler: “Il marketing riguarda l’identificazione ed il soddisfacimento di bisogni umani e sociali. Una delle definizioni più sintetiche del marketing è soddisfare i bisogni in modo profittevole. L’American Marketing Association fornisce la seguente definizione: ‘Il marketing è l’attività, l’insieme delle operazioni ed i processi per creare, comunicare, distribuire e scambiare offerte che hanno valore per i consumatori, i clienti e la società in generale.’

Un marketer è qualcuno che cerca una risposta – in termini di attenzione, acquisto, voto o donazione- da una controparte, definita prospect. Molte cose possono essere commercializzate: tra queste non solo prodotti e servizi, ma anche eventi, esperienze, persone, luoghi, proprietà tangibili o finanziarie, organizzazioni, informazioni, idee e cause.

Nel fare gli auguri al prof. Kotler, desidero condividere con voi alcune sue riflessioni in incipit dell’edizione italiana all’Autobiografia, all’interno del quale si racconta come la rivoluzione del business che lui ha rappresentato nasca prima di tutto dalla consapevolezza e sensibilità di un “economista e scienziato sociale”, dalla responsabilità di un uomo nei confronti delle future generazioni.

Marco Raspati

Anche io m i associo a Marco nell’augurare un felice e sereno compleanno al professore di tutti noi del meraviglioso mondo del Marketing

Danilo Arlenghi

Un piccolo saggio delle sue frasi più storiche e famose
- “I clienti, non i concorrenti decidono chi vince la guerra.”
- “L’unico vantaggio competitivo sostenibile consiste nella capacità di apprendere e di cambiare più rapidamente degli altri.”
- “I clienti che si lamentano sono i migliori amici dell’impresa. Una lamentela mette in guardia in merito a un problema che probabilmente sta facendo perdere dei clienti e che, una volta noto, è possibilerisolvere.”
- “Il marketing olistico è uno spostamento dall’orientamento al prodotto verso l’orientamento al cliente, dal vendere prodotti al soddisfare i clienti.”
- “Vi sono due tipi di imprese: quelle che cambiano e quelle che scompaiono.”
- “Le aziende prestano troppa attenzione a quanto costa fare certe cose. Dovrebbero preoccuparsi di più di quanto costa non farle.”
- “La regola aurea del marketing: proponetevi ai vostri clienti così come vorreste che si proponessero a voi.”
- “Per la maggior parte, le aziende prestano più attenzione alla crescita della propria quota di mercato che al grado di soddisfazione del cliente. Questo è sbagliato. La soddisfazione del cliente e il valore percepito sono fondamentali per la redditività dell’azienda.”
- “Il futuro del marketing risiede nel database marketing, che permette di saperne abbastanza su ciascun cliente per fareofferte adeguate e tempestive, personalizzate e tagliate su misura.”
- “Gestire un’azienda non usando le ricerche di mercato è come guidare una macchina a occhi bendati seguendo le indicazioni di uno che guarda fuori dal lunotto posteriore.”
- “Il valore di un’impresa è dato dal valore del ciclo di vita dei suoi clienti.”
- “Le aziende vincenti trasformano in vincenti anche i propri clienti. Le aziende più accorte creano costantemente nuovo valore per i clienti, sono profondamente orientate al cliente e alla soddisfazione delle sue esigenze.”
- “La maggior parte dei mercati è infestata da troppi pescatori che vanno alla ricerca di un numero troppo esiguo di pesci.”
- “L’unicità esige lo sviluppo di una cultura che valorizzi la creatività. ”
- “I clienti vogliono valore, costi bassi, convenienza elevata e comunicazione, non promozione.”
- “Il marketing non più come area di attività di un certo numero di specialisti, ma come modo di gestire l’impresa e come visione strategica di fondo per affrontare con successo la competizione in atto nei mercati contemporanei.”
- “I livelli qualitativi tendono all’omogeneità, e ciò esclude che la qualità possa risultare un fattore determinante nella scelta della marca.”
- “Il compito del marketing è trasformare le esigenze mutevoli delle persone in opportunità vantaggiose, Il suo scopo è crearevalore proponendo soluzioni migliori, facendo risparmiare all’acquirentefatica e tempo per la ricerca e la transazione e offrendo alla comunità il più elevato benessere.”
- “La fiducia è maggiormente presente nelle relazioni orizzontali che in quelle verticali, come dimostra il fatto che i consumatori si fidano assai di più degli altri consumatori che non delle imprese.”
- “Non c’è niente di peggio che apparire un’impresa che non ama il cambiamento, poiché essa attirerà persone con il medesimo atteggiamento e questo ne decreterà la fine.”
- “Le imprese eccezionali creano clienti deliziati; creano dei fan.”
- “Il Marketing 3.0 configura la fase in cui le imprese spostano la propria focalizzazione dal consumatore all’umanità nel suo complesso e la ricerca del profitto viene bilanciata dalla responsabilità sociale d’impresa.”
- “Marketing 3.0 si propone di soddisfare il consumatore. Ma con una non irrilevante differenza: le imprese che lo applicano possiedono anche missioni, visioni e valori volti a dare un contributo al mondo.”
- “Ci stiamo approssimando alla quarta ondata, che sarà orientata alla creatività, alla cultura, alla rivalutazione delle tradizioni e alla tutela dell’ambiente.”
- “Il marketing ha conosciuto un’evoluzione. In una prima fase era orientato alla transazione, ossia focalizzato sui metodi per vendere; poi, in una seconda fase, il marketing si è orientato alla relazione, concentrandosi sui modi per far sì che i clienti reiterassero i loro acquisti, accrescendone la frequenza e i volumi; nella terza fase, infine, il marketing è passato a invitare i consumatori a collaborare con l’impresa nello sviluppo dei prodotti e delle comunicazioni.”

- “Il marketing non morirà mai.”

Related posts:

  1. Il Futuro del Marketing di Philip e Milton Kotler
  2. Scopriamo alcune delle peggiori operazioni di marketing e pubblicità della storia di celebri brand che hanno fatto flop.
  3. Le più significative frasi celebri sulla pubblicità
  4. Buon Compleanno, Radio Milano International!