Burgez si moltiplica a Milano: e sono cinque!

Giu 18th, 2019 | Di Redazione | Categoria: Punti Vendita


Patatine e hamburger: la formula è quella già vista delle varie catene americane come Mc Donald’s e Burger King, ma Burgez è italiana e per ora, almeno a Milano, sembra in grado di competere con le major del settore.

Sabato 8 giugno è stato inaugurato il quinto punto vendita alle Colonne di San Lorenzo, con la previsione di chiudere l’anno con sette locali, tutti a gestione diretta e sempre nel capoluogo lombardo. Con hamburger e patatine, la mini-catena punta a un fatturato 2019 di 6 milioni di euro e in tre anni di attività è già arrivata a 65 dipendenti.

Il fondatore Simone Ciaruffoli proviene dal mondo della creatività e del marketing, essendo proprietario anche della società Upper Beast Side con cui sta attuando una strategia di comunicazione irriverente il cui target è principalmente universitario e studentesco, grazie anche a una collaborazione con il cantante Coez. Nel ruolo di general manager opera la socia Martina Valentini, mentre il CFO è Lorenzo Pincelli, che ha maturato esperienze di gestione finanziaria in società quali Versace, Lavazza, Eraclea e Foodora,

“Per il 2020 sono previste dalle 4 alle 6 aperture sempre a Milano, con una previsione di fatturato tra gli 11 e 15 milioni, un’occupazione complessiva di 130 dipendenti e una previsione di ebitda tra il 16% e 20% del fatturato”, ha raccontato Simone Ciaruffoli.

“Burgez riceve continue manifestazioni di interesse da parte di fondi di investimento e stiamo valutando la possibilità di aprire il capitale in un orizzonte temporale compreso tra il 2020 e il 2021”. E per il futuro? “Non ci sarà solo Milano. L’ambizione di Burgez è intanto puntare a tutta Italia senza però, al momento, guardare all’estero”.

Related posts:

  1. A Milano sono triplicati gli hotel ed è boom di case vacanze
  2. Il mistero delle statue apparse a Milano, Napoli e Bari: “Sono gli eroi di domani”
  3. A Milano arriva ‘Naturist Tour’, la visita in cui artista e pubblico sono nudi: è la prima volta in Italia
  4. Microsoft sperimenta la settimana lavorativa di 4 giorni e i risultati sono sorprendenti