Ceres c’è sempre: “Se non sapete bere, statevene a casa”

Ago 28th, 2020 | Di Redazione | Categoria: UAU Communication


Ceres dimostra di essere sempre “sul pezzo” e lo ha fatto anche in occasione di quanto si è verificato a Roma: una devastazione urbanistica, una vera e propria “guerrilla”, causata dagli ultrà del Feyenoord.

Ne hanno parlato ovunque, condannando ovviamente il riprovevole atteggiamento; Ceres si è unita alla discussione, cogliendo l’occasione per lanciare una instant di successo immediato: “Se non sapete bere, statevene a casa. Ceres c’è“.

Tanto di cappello al social media Manager di Ceres, che con assoluta tempestività è riuscito a commentare, in modalità #uaucommunication, quanto accaduto con un pizzico di ironia, che da sempre caratterizza la comunicazione del brand .

Non è mancato chi ha accusato l’azienda di “approfittare di una triste pagina di cronaca fine pubblicitari. Pensate a vendere birra e basta“. E Ceres ha dimostrato ancora una volta che ha piena padronanza dello strumento comunicativo, rispondendo: “noi vendiamo birra ma preferiremmo non venderla a tutti, soprattutto a chi la usa così! Yò“.

Related posts:

  1. La nuova campagna di Ceres “finalmente al bar” con le voci dei leader politici De Luca (in questo spot), Meloni, Salvini
  2. Gli italiani mangiano sempre più fuori casa. E vola il food delivery secondo il rapporto FIPE Ristorazione
  3. Guerrilla per Sol: una birra per una cravatta
  4. Mai stato così semplice smettere di fumare, bere alcolici e dimagrire