Certificati SSL (Secure Sockets Layer) - Seo step by step a cura di Libero Fusi

Mag 14th, 2021 | Di Redazione | Categoria: CATEGORIA B, Marketing


Il World Wide Web è vasto e infinito. In questa epoca, visto che i malware cercano costantemente di mettere le mani sulle informazioni riservate della clientela e contribuiscono a quello che è noto come il lato oscuro di Internet, garantire la sicurezza è diventata più che mai una priorità. Pertanto, è logico che gli utenti desiderino che i siti Web che stanno visitando siano protetti.

Per questo motivo, gli utenti sono molto più a loro agio nel visitare e navigare attraverso i siti che utilizzano certificati SSL.

Ma per quanto riguarda i risultati dei motori di ricerca? Un motore di ricerca preferisce i siti Web HTTPS con certificati SSL rispetto a HTTP?

Google consiglia apertamente agli sviluppatori web di convertire i loro siti Web HTTP in HTTPS.
Ciò significa che la preferenza viene data ai siti Web certificati SSL e affidabili, migliorandone così il loro posizionamento SEO.

HTTPS è un protocollo di rete che crea un canale sicuro per inviare e ricevere dati. Tutti i siti web richiedono un protocollo di rete. È il framework di comunicazione che consente ai visitatori di caricare e interagire con il contenuto di un sito web. HTTPS è un protocollo di rete sicuro che utilizza una coppia di chiavi crittografiche per crittografare i dati.

Per caricare una pagina, il browser web di un visitatore deve inviare una richiesta. Il sito Web deve quindi rispondere inviando il contenuto della pagina al visitatore. Queste comunicazioni avanti e indietro sono controllate da un protocollo di rete. HTTP e HTTPS sono i due principali protocolli di rete utilizzati dai siti Web. Funzionano in modo simile facilitando lo scambio di dati, ma HTTPS offre un ambiente più sicuro rispetto alla sua controparte.

HTTP è l’acronimo di Hypertext Transfer Protocol. È fondamentalmente un protocollo che consente il trasferimento di dati sul World Wide Web fornendo un modo di interazione tra i server e i client.

HTTP è un protocollo a livello di applicazione. Ciò significa che si concentra su come i dati vengono presentati all’utente piuttosto che su come avviene la trasmissione delle informazioni.

L’HTTP non si occupa delle informazioni delle sessioni precedenti, motivo per cui è noto anche come protocollo senza stato. Pertanto, ciascuna richiesta è indipendente dalle altre richieste eseguite in precedenza. Sebbene HTTP consenta ai client di interagire con i server, manca di crittografia.

La crittografia dei dati potrebbe non sembrare così importante durante la semplice navigazione in Internet. Tuttavia, quando è necessario condividere informazioni sensibili, ad esempio dettagli di carte di credito o password, diventa un problema poiché HTTP trasmette i dati come testo normale.

La differenza principale che separa HTTPS da HTTP è che HTTPS utilizza SSL per crittografare richieste e risultati HTTP regolari, che altrimenti verrebbero trasmessi come testo normale.

Ciò aggiunge un ulteriore livello di sicurezza al sito web collegando i dati digitali a una chiave crittografica, che è una stringa di caratteri all’interno dell’algoritmo di crittografia responsabile della modifica dei dati in modo che appaiano casuali, ovvero convertendo il testo normale in testo cifrato, o viceversa, in un algoritmo di decrittazione.

Quindi, anche se una terza parte potenzialmente dannosa dovesse mettere le mani sulle informazioni trasmesse, non avrebbe la chiave richiesta per decrittografare il testo cifrato nel testo in chiaro originale.

HTTP funziona come protocollo a livello di applicazione, mentre HTTPS funziona come protocollo a livello di trasporto. HTTP non richiede un certificato SSL. HTTPS non richiede solo un certificato SSL firmato da un’autorità di certificazione, ma deve anche essere rinnovato su base annuale. Inoltre, HTTP utilizza la porta 80, per inviare dati su Internet, mentre HTTPS utilizza la porta 443.

Google Chrome, uno dei browser web più utilizzati, quando un utente visita un sito HTTP, lo avvisa con l’aiuto di una icona specifica nell’angolo in alto a sinistra, dove invece avrebbe dovuto esserci il lucchetto.

Toccandolo, viene visualizzato un avviso che indica che il sito Web è “Non protetto” e le informazioni riservate non sono crittografate. Questo messaggio avverte gli utenti di non inserire informazioni sensibili nel sito web.

A causa di questo avviso, un utente comprende se le proprie informazioni personali corrono un rischio maggiore di essere compromesse, in base al sito Web che sta visitando.

Quindi, SSL e SEO sono abbastanza strettamente correlati e SSL influisce sulle classifiche SEO.

Un utente, che comprende l’importanza di proteggere le proprie informazioni personali, sarebbe preoccupato per la sicurezza con cui le proprie informazioni personali vengono trasmesse su Internet e, quindi, preferirebbe sicuramente un sito Web che utilizza certificati SSL, piuttosto che quelli che non lo fanno.

Ovviamente il passaggio all’utilizzo di certificati SSL per i tuoi siti web non migliora drasticamente il posizionamento SEO: è comunque uno dei fattori significativi.

Infatti nel 2014, Google ha confermato che HTTPS migliora le classifiche SEO dichiarandolo come fattore di ranking.

Anche se i termini, HTTPS e SSL a volte sono usati in modo intercambiabile, non sono la stessa cosa. Come già affermato, mentre HTTPS è il protocollo di trasferimento utilizzato per comunicare tra siti Web, i certificati SSL sono piccoli file di dati che vengono utilizzati per abilitare la crittografia dei dati trasmessi.

TLS e SSL: qual è la differenza e quale di essi utilizza HTTPS?

TLS e SSL sono tecnicamente la stessa cosa. Sono entrambi protocolli crittografici responsabili della trasmissione sicura dei dati tra server e sistemi.

Mentre SSL sta per Secure Sockets Layer, TLS sta per Transport Layer Security. HTTPS può utilizzare TLS o SSL in base ai requisiti del sito web.

In poche parole, TLS è solo una versione più avanzata di SSL, il successore di SSL, anche se SSL è ancora ampiamente utilizzato.

Esistono tre tipi di certificati. La scelta di quella giusta dipenderà dal livello di sicurezza di cui ha bisogno il tuo sito web.

- Un certificato SSL convalidato dal dominio, noto anche come certificato a bassa garanzia , è il tipo standard di certificato emesso. La convalida automatica garantisce che il nome di dominio sia registrato e che un amministratore approvi la richiesta. Il tempo di elaborazione dura da pochi minuti a poche ore. È consigliato solo per l’uso di sistemi interni.

- Un certificato convalidato dall’organizzazione o un certificato ad alta garanzia richiede agenti reali per convalidare la proprietà del dominio, oltre a informazioni sull’organizzazione come nome, città, stato e paese. Il tempo di elaborazione di un certificato convalidato dall’organizzazione varia da poche ore a pochi giorni. Si consiglia di utilizzarlo per tutte le imprese commerciali.

- Un certificato EV, o certificato esteso di convalida, è un nuovo tipo di certificato che richiede il processo di convalida più rigoroso. Questo tipo di certificato funziona per garantire che l’azienda sia una persona giuridica e richiede che le informazioni aziendali vengano fornite come prova delle attività commerciali di proprietà del dominio.

Per scegliere un certificato, è necessario riconoscere i tipi di proprietà che si desidera proteggere (dominio, sottodominio). È inoltre necessario identificare se è necessaria la protezione per una singola proprietà o più proprietà (caratteri jolly per più domini). Il passaggio successivo consiste nel decidere quale livello di protezione è necessario.

Alcune delle domande che devi porti prima di acquistarne uno sono:
- Quanti domini devo proteggere?
- Che tipo di sito web devo proteggere?
- Quanto è importante la fiducia del mio cliente?

HTTPS può fornire molti strati di protezione a quei dati:
Crittografia: i dati sono inutili per chiunque riesca in qualche modo a intercettarli perché non hanno la chiave per decrittografarli

Integrità dei dati : i dati non possono essere danneggiati.

Autenticazione: previene gli attacchi “man in the middle” , il che significa che nessuno può tracciare i tuoi clienti inserendosi nella loro trasmissione.

Se hai solo un blog e tutto ciò di cui hai bisogno dai tuoi utenti è inserire i loro indirizzi e-mail per iscriversi ai tuoi elenchi di e-mail, probabilmente non hai bisogno di HTTPS per motivi di sicurezza. Tuttavia, se accetti pagamenti o informazioni personali importanti per qualsiasi motivo, HTTPS è un must per te e il tuo sito web.

Secondo WatchGuard, circa il 79% dei primi 100.000 siti Web ora lo utilizza.

#seo #seostepbystep #liberofusi #marketingjournal #clubmc

Per informazioni o consulenze contattami:
Libero Norberto Fusi
Vice Pres. ClubMC
Titolare 4marketing.com
libero.fusi@4tmarketing.com
mobile: + 39 347 3217653
seoxseo.4tmarketing.com

Related posts:

  1. I dati strutturati - Seo step by step a cura di Libero Fusi
  2. Architettura del sito - Seo step by step a cura di Libero Fusi
  3. Ottimizzazione delle immagini - Seo step by step a cura di Libero Fusi
  4. Anzianità di dominio - Seo step by step a cura di Libero Fusi