Che dice lo studio Ipsos sul Natale 2019

Nov 28th, 2019 | Di Redazione | Categoria: Indagini e Sondaggi


É stato anche presentato uno studio Ipsos Marketing commissionato da Facebook sul Natale 2019, da cui emergono 6 tendenze che le imprese dovrebbero tenere presente.

1. Pianificazione stagionale. Nonostante gli acquisti durante le festività natalizie comincino già ad ottobre, il picco dello shopping natalizio si verifica a novembre e dicembre. Nel periodo natalizio 2018, in Italia, il 42% degli acquirenti ha dichiarato di avere iniziato a fare acquisti per Natale a novembre, il 47% a dicembre.

2. Il peso di Black Friday, Cyber Monday e Singles Day. Le tre ricorrenze rappresentano occasioni imperdibili per i marchi di raggiungere le persone e influenzare le loro scelte di acquisto in previsione del Natale. Conosciuti prima solo localmente, ora sono momenti di shopping valorizzati in tutto il mondo. In Italia, nel 2018, il 52% degli acquirenti natalizi ha dichiarato di aver fatto acquisti in occasiona del Black Friday, il 28% in occasione del Cyber Monday, il 5% durante il Singles Day. Queste giornate sono diventate occasioni d’acquisto importante per i consumatori, chi decide di non acquistare il prodotto, comunque lo ricorderà fino a Natale.

3. I social sono la nuova vetrina. I social network sono diventati il luogo preferito dai consumatori per trovare ispirazione e idee per i loro acquisti. Nel periodo natalizio 2018, il 58% dei consumatori ha dichiarato di aver guardato o pubblicato video nelle Storie sulle diverse piattaforme. Il 65% ha affermato di aver trovato ispirazione online mentre il 24% dei Millennial intervistati ha detto che i video creati dagli influencer sui social network li avrebbero aiutati a scegliere cosa acquistare nel periodo natalizio. Grazie ai suoi 500 milioni di utenti che utilizzano Stories ogni giorno, Instagram è uno dei luoghi ideali per ispirare il proprio pubblico e trasformare l’ispirazione in acquisto.

4. La strategia multichannel (offline e online). Nonostante durante le festività 2018 le vendite negli store fisici abbiano superato quelle online, l’acquirente natalizio è sempre più Mobile-first. Nel 2018, il numero di persone che ha effettuato infatti ricerche pre-acquisto su Mobile è cresciuto del 24% rispetto all’anno precedente. Sempre nel 2018 il 50% degli acquirenti ha affermato di essersi informato precedentemente utilizzando un dispositivo mobile.

5. La Shopping experience su Mobile. Gli acquisti su Mobile stanno aumentando costantemente e, nel 2018, il 32% degli acquirenti ha dichiarato di aver effettuato acquisti attraverso il proprio smartphone (contro il 24% del 2015). É fondamentale migliorare l’esperienza di acquisto sui dispositivi Mobile, tenendo presente che, nel 2018, i principali problemi che gli acquirenti in Italia hanno riscontrato durante lo shopping online hanno riguardato: l’eccessivo tempo di caricamento dell’app o del sito web (18%), la scarsa chiarezza delle immagini (15%), difficoltà di consultazione delle informazioni di prodotto (14%), scarsa ottimizzazione dei contenuti sui dispositivi mobile (11%), la ridotta dimensione dei caratteri (15%).

Elementi virtuosi. I fattori che sono si sono invece rivelati decisivi nell’effettuare un acquisto online sono stati il tempo di consegna o di preparazione per il ritiro (per il 79% degli intervistati), la spedizione gratuita (80%), la disponibilità di prodotti (84%), l’assistenza clienti (70%) e un’esperienza di acquisto positiva nel punto vendita (77%).

6. Occhio alla messaggistica. Gli acquirenti interagiscono con i marchi su più canali prima di effettuare un acquisto e un trend in crescita è quello della messaggistica istantanea. Nel 2018, il 39% degli acquirenti italiani ha detto di aver inviato un messaggio ad un’azienda durante il periodo natalizio e il 65% degli acquirenti si è definito più propenso ad acquistare da un’azienda che era possibile contattare attraverso un sistema di messaggistica.

Grazie ai messaggi, infatti, i consumatori hanno monitorato un ordine (36% dei casi), ottenuto maggiori dettagli su un prodotto (36%), acquistato un prodotto (26%), ottenuto informazioni sulla spedizione (31%), ottenuto informazioni sul punto vendita (25%).

Related posts:

  1. Facebook e Instagram lanciano una guida di Natale dedicata alle aziende
  2. Cosa c’è sulla tua tavola per Natale? Te lo dice Supermercato24
  3. Panic Saturday: lo shopping di Natale per i ritardatari
  4. I regali di Natale delle aziende: salgono vino e dolci, scendono i viaggi