Chi vince la guerra dei prezzi? Sbagli da non commettere mai

Nov 22nd, 2020 | Di Redazione | Categoria: CATEGORIA B, Marketing


Uno degli errori più gravi e più frequenti che vedo fare è impostare le proprie strategie sul prezzo di vendita.

Quando Kotler identificò il prezzo come una delle principali leve del marketing, non intendeva suggerire una guerra dei prezzi.

Iniziare una guerra dei prezzi significa cercare di sottrarre ai concorrenti quote di mercato, vendendo i propri prodotti a un costo inferiore.

A volte diventa una vera e propria concorrenza sleale ed è un’azione che si può attuare solo in determinate situazioni.

Come quando si cerca di entrare in mercati che hanno forti barriere d’ingresso, come quello dei gestori telefonici o dell’energia.

Il problema principale del prezzo, come leva di marketing, è che si tratta della caratteristica di differenziazione più facile da copiare.

Il motivo per cui vi si ricorre così spesso è lo stesso per cui non lo si dovrebbe mai fare, è la risposta più facile ai problemi.

Se decidi di vendere i tuoi servizi a un prezzo inferiore, domani i tuoi concorrenti possono fare altrettanto.

Se anche loro decideranno di abbassare i prezzi, si scatenerà una guerra che avrà solo sconfitti, perché distruggerà progressimamente il margine di profitto.

Alla fine di questa guerra, ne resterà soltanto, come dicevano in un vecchio film, ma anche lui sarà pesantemente indebolito.

E sarà molto difficile e lungo riportare il mercato alle tariffe iniziali.

Una strategia efficace è una visione di lungo periodo, come in tutte le cose, ci vuole tempo e fatica.

Per fare qualche esempio, per i tuoi concorrenti è molto più difficile copiare e superare il tuo posizionamento, la tua rete di distribuzione, la qualità del tuo prodotto o il livello della tua assistenza clienti.

Le ragioni per cui così tanti ricorrono a questa strategia sono la paura e l’apatia, per anni hanno guardato il mercato diminuire senza reagire e adesso tentano la carta della disperazione.

Fortunato Monti
Web & Social Marketer & Content Creator
fortunato.monti@gmail.com

Related posts:

  1. Se la guerra è un’arte, il marketing è una battaglia, vince chi agisce prima o meglio: i sempiterni consigli di Sun Tzu
  2. GreenPeace dichiara guerra a Dove contro il disboscamento dovuto alla raccolta di olio di palma
  3. P.R. & Go Up Communication Partners vince l’Agorà d’Argento con la campagna “Risveglia i tuoi sensi - Essenza di Valtellina”
  4. E’ spesa di guerra quella degli italiani in quarantena: boom degli acquisti alimentari, +47% latte, +50% uova, +83% farine