Come comunica l’azienda: funzioni consapevoli e inconsapevoli - Relazioni pubbliche in pillole a cura di Giorgio Vizioli

Ott 4th, 2020 | Di Redazione | Categoria: CATEGORIA B, Comunicazione


L’immagine di una organizzazione, sia essa un’impresa, un’associazione o altro, si trasmette attraverso due categorie di funzioni, che definiremo consapevoli e inconsapevoli.

Le prime sono quelle funzioni che, per loro natura, sono preposte al contatto con il mondo esterno: l’ufficio stampa, le relazioni pubbliche, il marketing, la pubblicità, la forza vendita.

Funzioni destinate a veicolare, ciascuna con i propri strumenti, un’immagine aziendale che sia soprattutto coerente e corrispondente alla filosofia e ai valori in base ai quali operano il management e la proprietà).

Alla seconda categoria appartengono invece altre funzioni che contribuiscono a loro volta alla creazione dell’immagine Si tratta, per iniziare, degli uffici amministrativi: un’azienda che sia nota per i forti ritardi nei pagamenti, l’inefficienza, l’imprecisione e un atteggiamento poco collaborativo nei confronti dei fornitori (e a volte anche clienti), darà dell’azienda un’immagine negativa e questo non potrà che nuocere, soprattutto nei casi di emergenza.

Lo stesso vale per l’ufficio del personale: il modo in cui si gestiscono i colloqui e le trattative, sia per le assunzioni sia per liquidazioni, per esempio, sono altrettante tessere di quel mosaico complesso che è l’immagine aziendale.

Oppure il top management, chiamato spesso a rappresentare l’azienda in situazioni pubbliche, conferendole un’immagine fisica, personalizzata, e per questo importantissima.

Infine, un altro elemento di costruzione dell’immagine aziendale sono i dipendenti stessi: ogni organizzazione deve avere una buona immagine presso i propri collaboratori, in quanto essi ne sono i primi e più importanti ambasciatori, sia a livello di comunità locale sia a livello di comunità professionale.

L’essenza stessa del lavoro di relazioni esterne sono la supervisione, il coordinamento e l’armonizzazione di tutte queste funzioni, consapevoli o inconsapevoli che siano.

Giorgio Vizioli. Giornalista e comunicatore, dal 1990 titolare dell’Agenzia Studio Giorgio Vizioli & Associati di Milano (www.studiovizioli.it), ha ricevuto il Premio “Ufficio Stampa di Eccellenza 2019” del GUS (Giornalisti Uffici Stampa) Lombardia
Membro del Comitato Direttivo del ClubMC
giorgio.vizioli@studiovizioli.it
www.studiovizioli.it

Related posts:

  1. Gli obiettivi della comunicazione - Relazioni Pubbliche in pillole a cura di Giorgio Vizioli
  2. Un ponte sospeso - Relazioni Pubbliche in pillole a cura di Giorgio Vizioli
  3. A chi vogliamo parlare? - Relazioni Pubbliche in pillole a cura di Giorgio Vizioli
  4. Talento e metodo - Relazioni pubbliche in pillole a cura di Giorgio Vizioli