Come generare interesse. La lezione Lotus Esprit

Apr 5th, 2021 | Di Redazione | Categoria: CATEGORIA B, Comunicazione, Marketing


Qualche settimana fa ho raccontato come, dopo il fallito attentato al presidente francese DeGaulle, che scampò all’agguato grazie alle prestazioni della sua Citroen DS, nacque l’idea di inserire un’automobile dalle prestazioni eccezionali nella fortunatissima serie di 007.

Questa intuizione si è dimostrata una forma di promozione così efficace, che dura ancora oggi ed è la serie di product placement più fortunata di sempre.

L’incredibile visibilità garantita dai film di Bond faceva gola a tutte le case automobilistiche, ma ormai il nome Aston Martin era legato indissolubilmente a quello di james Bond e sembrava impossibile riuscire a interrompere questo connubio.

Soprattutto per una piccola e poco conosciuta casa automobilistica nel Norfolk.

Don McLaughlin capo PR di Lotus, però, era certo di avere per le mani l’auto perfetta per la parte, si trattava dell’avveniristica Esprit, nata dalla meravigliosa matita di Giorgio Giugiaro.

Aveva solo bisogno dell’occasione giusta per “piazzare il suo prodotto”.

Una mattina decise di andare presso la sede dei produttori della serie e di lasciare un prototipo della Esprit parcheggiata fuori dalle finestre degli uffici.

Leggenda vuole che i produttori passarono tutta la pausa pranzo osservando affascinati la vettura attraverso i vetri.

Quando fu passato abbastanza tempo, Don tornò e ignorando volutamente i produttori, usciti ad ammirare la vettura, salì in macchina e partì.

Il giorno dopo la Lotus ricevette la chiamata per il film “007 La spia che mi amava” e non fu un’apparizione normale, nel film l’auto faceva di tutto, sparava razzi e si trasformava in sottomarino.

Ricordo di averlo visto da bambino e di aver voluto in regalo proprio un modellino di Esprit.

Grazie a quel film la Esprit è diventata leggendaria, tanto che, nel 2013, l’ultimo esemplare sopravvissuto usato per le scene subacquee del film è andato all’asta ed è stato acquistato per 800.000 dollari dal CEO di Tesla Elon Musk.

Con una geniale messa in scena, Don McLaughlin ha reso la semi sconosciuta casa britannica Lotus un marchio immortale.
#LotusEsprit #JamesBond #Marketing #marketingjournal

Fortunato Monti
Web & Social Marketer & Content Creator
fortunato.monti@gmail.com

Related posts:

  1. Peter Marsh, una lezione a Trenord! Ma imparatela stavolta
  2. Dunque questo Robo è… | Come le campagne teaser sono utilizzate per suscitare l’interesse dei consumatori
  3. La prima auto di James Bond fu ispirata da un’auto francese
  4. Vivo o morto voglio un extra budget