Come gli NFT stanno diventando un’opportunità per marketer e brand

Set 7th, 2021 | Di Redazione | Categoria: CATEGORIA B, Marketing


(Il collage di Beeple venduto per 69,3 milioni di dollari)

Hai già sentito parlare degli NFT? Si tratta dei Token Non Fungibili ovvero gettoni crittografici che rendono un oggetto immateriale unico e non replicabile. Sebbene funzionino attraverso il meccanismo della blockchain, la differenza con le criptovalute, tra cui i bitcoin, sta nell’impossibilità di essere replicati.

Benché questo ambito non sia propriamente appannaggio della pubblicità, ecco come i marketers possono sfruttare gli NFT per promuovere i brand dei loro clienti.
Come gli NFT creano valore per i brand

Creare valore per gli utenti è il paradigma del mondo web contemporaneo.

Un cambiamento sociologico che ci fa capire quanto facilmente gli NFT si siano fatti strada nel non luogo digitale. Il loro debutto in società è avvenuto attraverso giochi, sport, arte e musica. Il fenomeno sta spopolando nel collezionismo digitale e sta interessando molti marchi tra cui: Nike, Louis Vuitton e F1 Racing ma anche artisti musicali.

L’evento merita di essere seguito perché apre strade completamente nuove all’advertising. Una fra tutte è la collaborazione che i marchi possono instaurare con artisti per creare opere d’arte digitali collezionabili che grazie alla propria unicità certificata diventano veri e propri cimeli esperienziali.

Tutti noi vorremmo “possedere un momento” e questo lo sanno bene i marketer ma anche il fondatore di Twitter. Jack Dorsey, infatti, ha venduto all’asta il token non fungibile del suo primo tweet per la bellezza di 2.9milioni di dollari. Probabilmente le 5 parole più costose della storia!

Gli NFT possono essere utilizzati dai brand in vari modi:

per finanziare inziative del marchio
per creare esperienze di fruzione del prodotto completamente diverse
per rendere un evento un’esperienza esclusiva.

Queste sono solo alcune delle possibilità che i marchi possono cogliere per sfruttare questo trend. Ma come qualsiasi strumento tecnologico, l’uso degli NFT deve essere inserito all’interno di una strategia pubblicitaria che ne amplifichi la portata valoriale.

Il valore degli NFT nel mercato dell’arte

Il collezionista è il consumatore più fedele del marchio.

Artisti digitali come il fotografo Dave Krugman hanno subito colto le potenzialità dei token non fungibili.

“Questa è una nuova tecnologia, una nuova impalcatura con cui gli artisti possono lavorare e paragono gli NFT a qualcosa di più simile a una relazione tipo artista-collezionista. Si tratta più di costruire una comunità e costruire una relazione online con le persone con cui condividi la tua storia attraverso l’arte. Questo è molto più solido di quello che siamo stati in grado di fare con le piattaforme di social media, ed è ciò di cui sono entusiasta”, ha affermato il fotografo durante un’intervista rilasciata a Coindesk Tv.

Le potenzialità degli NFT possono essere lette anche sul sito cryptoart.io in cui è possibile monitorare l’ammontare delle opere d’arte vendute negli ultimi mesi con NFT.

Ciò significa che la rivoluzione digitale è già iniziata e molti collettivi creativi si stanno affacciando al mercato delle opera d’arte digitali. Grazie al processo di conio è possibile realizzare delle serie di opere in edizione limitata e generare un numero di NFT corrispondente. Altro punto per i token non fungibili!

Gli NFT e i social network

Unicità ed esclusività sono i sentimenti che spingono i collezionisti ad acquistare le certificazioni delle opere. Ma il fenomeno può essere letto sotto una lente diversa che tocca altri aspetti della comunicazione e della pubblicità.

Alcune piattaforme di moda stanno iniziando a predisporre la vendita di collezioni in edizione limitata acquistabili tramite token.

Per i marketer i token possono essere sfruttati anche nel mondo dell’influencer marketing.

Attraverso la piattaforma TryRoll.com, un’infrastruttura di blockchain per il denaro, gli influencer possono utilizzare NFT per monetizzare.

Sul sito della piattaforma si legge: “Roll conia i token digitali a marchio unici per la tua presenza online, permettendoti di possedere, controllare e coordinare il valore che crei su tutte le piattaforme. Chiamiamo questi token di marca moneta sociale e utilizziamo la blockchain di Ethereum per coniare ogni token secondo lo standard ERC20. L’utilizzo della blockchain di Ethereum ci consente di sviluppare denaro sociale in un modo controllato da te e dalla tua comunità, non da noi come rete.”

Immagina delle vere e proprie campagne di influencer marketing organizzate in questo modo: i follower del creator accedono tramite la piattaforma a chat e gruppi privati dove assistere a lanci di prodotti e contenuti esclusivi. Usando i token come call to action, le agenzie pubblicitarie possono monitorare l’andamento della campagna e il creator monetizzare incentivando la partecipazione della community.

Related posts:

  1. Ecco gli 8 tipi di pubblicità online che i brand stanno utilizzando per sviluppare le loro strategie
  2. Coca-Cola lancia la collezione di NFT che rende omaggio al brand ma ha anche uno scopo benefico
  3. Il modo di fruire musica sta cambiando (e perché dovrebbe interessare ai marketer)
  4. La Catena del Valore del brand: migliorare l’esperienza del cliente e rafforzare il brand.