Come rubare la pizza a un bambino e farla franca

Mar 18th, 2021 | Di Redazione | Categoria: CATEGORIA B, Marketing


Da qualche anno, a casa nostra, il venerdì è il giorno della pizza.

Si sa, se fosse per loro, i bambini vivrebbero solo di pizza, patatine e Coca Cola (o Fanta, dipende dai gusti), ma i genitori devono insegnare l’importanza di una dieta varia e bilanciata.

Per questa ragione, qualche anno fa, abbiamo stabilito che la pizza da noi si mangia solo il venerdì ed è rapidamente diventato uno degli appuntamenti più attesi.

Nell’ultimo anno, per la situazione globale, abbiamo ripiegato sulle pizze surgelate, in modo da poterne avere sempre qualcuna di scorta e l’addetto all’approvvigionamento sono io.

Guai dimenticare di comprare la pizza il giovedì pomeriggio, perché i miei due clienti non sono per nulla comprensivi con i contrattempi.

Così quando venerdì scorso ho aperto il congelatore e ho scoperto che mi rimaneva solo una pizza e mezza, ho capito di avere un grosso problema.

Non ci voleva un laureato alla Normale di Pisa per capire che potevo mettere nel piatto solo 3/4 di pizza a testa, con conseguenti feroci critiche da parte della clientela.

Se gli studi di marketing e gli anni di lavoro mi hanno insegnato qualcosa è che, con una buona preparazione e il giusto atteggiamento, ogni problema può essere risolto.

Ho quindi fatto appello alle mie capacità creative e comunicative, ho preparato i piatti, dividendo equamente le fette e poi ho orgogliosamente presentato la mia creazione ai giudici.

“ragazzi, oggi Pizza PacMan!”

L’astuto rebranding ha funzionato e i commensali hanno terminato il pasto senza sollevare neppure una lamentela, anzi sembrava decisamente divertiti dalla novità.

Qualcuno obbietterà che è facile ingannare dei bambini e magari sono gli stessi disposti a pagare 5 euro in più per la stessa tazza, solo perché sopra ci sono i volti di Hello Kitty o Dart Vader.

Seguitemi per altre ricette

P.S. Non ho la più pallida idea di che fine abbia fatto l’altra mezza pizza

#pizza #marketingjournal

Fortunato Monti
Web & Social Marketer & Content Creator
fortunato.monti@gmail.com

Related posts:

  1. Il pizza parka di Pizza Hut e la sua Uau communication
  2. La pavimentazione per pizza di Domino negli Usa
  3. Con Dolly Dimples puoi ordinare una pizza alla fermata dell’autobus in Norvegia
  4. Dolly Dimples Pizza e l’acrobazia sulla pensilina dell’autobus