Comunicazione efficace: una pubblicità che ha fatto storia

Set 24th, 2021 | Di Redazione | Categoria: CATEGORIA B, Comunicazione


Contrariamente a ciò che si pensa la pubblicità ha origini remote. I primi esempi di comunicazione a fini commerciali si svilupparono in due grandi città del Vecchio Continente: a Parigi, nel 1630, anno di fondazione del Bureau d’adresses et des rencontres di Teofrasto Renaudot, un’ “agenzia” che pubblicava un foglio di proposte commerciali, e a Londra, nel Mercurius Britannicus, sempre con degli annunci a pagamento. Solo nel 1704 il Boston News-Letter - primo quotidiano degli States - pubblicò la prima pubblicità cartacea in un giornale d’informazione.

Dal XVIII secolo ad oggi l’advertising è cambiato notevolmente e con lui tutte le componenti del gioco, a partire dal canale di comunicazione. La radio, la televisione e soprattutto internet hanno contribuito all’aumento esponenziale dei messaggi pubblicitari che quotidianamente ci bombardano. Ma esistono delle pubblicità indimenticabili? Capolavori che hanno fatto la storia, tanto da essere ricordate dai più giovani anche se vecchie di quarant’anni? La risposta è sì.

Noi ne abbiamo scelta 1: molto significativa e forse anche estremamente famosa.

1947 – DE BEERS: “DIAMONDS ARE FOREVER”

E’ il 1947 quando il più grande venditore di diamanti al mondo è alla ricerca di un nuovo slogan. Si dice che quando Frances Garety dell’agenzia N. Y. Ayer & Son propose “Diamonds are forever” nessuno ne era pienamente convinto. A smentirli furono gli stessi Americani, che iniziarono a vedere in quella frase il simbolo dell’amore eterno. Dal 1948 “Un diamante è per sempre” accompagnerà tutte le pubblicità di De Beers diventando uno degli slogan meglio riusciti del XX secolo.

Related posts:

  1. Comunicazione Efficace. I 5 segreti dei grandi leader della storia
  2. Bonus pubblicità 2021, rinvio delle domande: si potrà inviare la comunicazione dal 1° al 31 ottobre
  3. L’evento, efficace strumento di P.R. - Relazioni Pubbliche in pillole a cura di Giorgio Vizioli
  4. La pubblicità nei punti vendita funziona, ma la distribuzione non è ancora considerata un mezzo di comunicazione