Confcommercio: consumi indietro di 25 anni. “Le spese obbligate mangiano il 44% delle uscite”

Ago 20th, 2020 | Di Redazione | Categoria: Breaking News


Sembra un bollettino di guerra quello rilasciato dalla Confcommercio per fare il punto sull’andamento dei consumi delle famiglie colpiti dall’effetto del Covid. E la metafora bellica, d’altra parte, è stata usata anche dall’ex governatore Mario Draghi nel suo discorso di Rimini, anche se incentrata sul rischio di dispersione del capitale umano a seguito della pandemia.

Secondo Carlo Sangalli, presidente dell’associazione, “l’emergenza Covid ha riportato i consumi ai livelli più bassi degli ultimi 25 anni”. A preoccupare è poi un altro dato: “L’aumento delle spese obbligate delle famiglie - come affitti, bollette, assicurazioni - che erodono quasi il 44% dei consumi totali. Se non si interviene con decisione tagliando le tasse - avverte Sangalli - perderemo definitivamente la possibilità di agganciare la ripresa economica”.

L’aumento dell’incidenza delle spese obbligate è un fenomeno tipico delle fasce inferiori di reddito e dei momenti di incertezza economica, quando si assume l’atteggiamento delle formichine e si taglia il superfluo, non vedendo chiari porti all’orizzonte di un mare in tempesta. Nel caso del Covid, a questo si aggiunge probabilmente l’effetto dei lockdown che hanno obbligato a rinunciare al solito stile di vita, fatto anche di consumi fuori casa, culturali, viaggi e via dicendo. Infatti, secondo l’Ufficio studi della Confcommercio “la crisi del 2020 e gli effetti dell’emergenza Covid si fanno sentire sui bilanci familiari con una compressione delle spese libere e un aumento di quelle obbligate che incidono per quasi il 44% sul totale dei consumi delle famiglie (il livello più alto dal 1995) arrivando a pesare per oltre 7.000 euro l’anno pro capite; tra le spese obbligate, la voce abitazione è quella che incide maggiormente arrivando a ‘mangiarsi’ - tra affitti, manutenzioni, bollette, e smaltimento rifiuti - oltre 4.000 euro pro capite”.

All’interno dei consumi commercializzabili (9.095 euro pro capite nel 2020) - prosegue lo studio - la componente principale è rappresentata dai beni con una quota sul totale consumi in lieve aumento (dal 38,4% del 2019 al 40,6%), mentre i servizi interrompono la costante crescita dal 1995 con un brusco calo nell’ultimo anno dal 21% al 15,6%; per la prima volta dal 2007, si spende più per gli alimentari che per i servizi.

Related posts:

  1. Nel 2019 spese ogni giorno quasi 3 ore per informarsi sul web. Zenith: in 10 anni dimezzato il tempo usato per leggere quotidiani stampati
  2. Focus spumanti: consumi in crescita +90% negli ultimi dieci anni nel mondo
  3. Report ICO: in netta discesa i consumi di caffè fuori casa mentre aumentano nella GDO e l’uso della caffettiera
  4. Previsioni ISMEA 2020: -34 miliardi € consumi fuori casa, +10 miliardi € spesa domestica