Coop “taglia l’IVA” sugli assorbenti per puntare i riflettori su inclusione e parità di genere

Mar 8th, 2021 | Di Redazione | Categoria: Sales Promotion


Tassati attualmente al 22% come i beni di lusso, per la settimana dell’8 marzo i prodotti per il ciclo si troveranno sugli scaffali della catena a un prezzo inferiore, come se avessero tassazione al 4% come gli altri beni essenziali.

L’iniziativa contro la tampon tax fa parte di una campagna di più ampio respiro, “Close the Gap”, con cui Coop intende promuovere una cultura dell’inclusione di genere, fuori e dentro i luoghi di lavoro.

Per celebrare la festa della donna, quest’anno Coop taglia l’IVA sugli assorbenti. Dal 6 al 13 marzo 2021 in tutti i punti vendita della catena assorbenti, tamponi, salvaslip saranno venduti, cioè, con il prezzo che avrebbero se fossero tassati con aliquota del 4% come i beni di prima necessità e non invece, com’è al momento in Italia, con IVA al 22% come i beni di lusso.

«È un piccolo gesto», dicono consapevoli dalla cooperativa, ma di certo simbolico. Quella contro pink tax e tampon tax è del resto una lotta annosa che attivisti femministi e movimenti per la parità di genere portano avanti convinti di poter migliorare le condizioni di vita di molte donne e ragazze, specie se con reddito ridotto o in condizioni di indigenza, ma anche e soprattutto per dimostrare che la disparità di genere permea ogni aspetto della vita quotidiana, inclusi persino l’accesso a beni di prima necessità e i consumi appunto.

Non a caso Coop taglia l’IVA sugli assorbenti come risposta a una petizione lanciata dall’associazione Onda Rosa su Change.org che, al suono di «il ciclo non è un lusso», chiede che anche in Italia sia abbassata la tassazione sui prodotti per il ciclo mestruale, se proprio non la si può eliminare come hanno già fatto altri paesi o non si possono rendere gli stessi disponibili gratuitamente per chiunque ne abbia bisogno.

Per lo stesso periodo, così, anche gli assorbenti della linea Vivi Verde Coop, che perché compostabili hanno già una tassazione ridotta, saranno venduti con un packaging dedicato che inviti a firmare la petizione.

“Mettiamoci la firma” è del resto proprio il pay-off che compare nei visual e nel commercial – breve e dal concept piuttosto semplice – dedicato alla campagna di Coop per l’8 marzo 2021.

Il taglio dell’IVA sugli assorbenti non è la sola iniziativa con cui la catena di supermercati ha deciso quest’anno di celebrare la Giornata Internazionale della Donna. “Close the Gap. Riduciamo le differenze” è il leitmotiv di diverse azioni, a metà tra corporate social responsibility , brand activism e cura del welfare aziendale, intraprese da Coop per provare a «percorrere con maggior decisione la strada a favore di una cultura della diversità e dell’inclusione», dandosi «obiettivi concreti e non di facciata», come ha ribadito il presidente Marco Pedroni.

C’è un’Agenda Rosa così che, in vista della festa della donna e anche una volta che sarà passata, con un approccio di più largo respiro punterà sulla formazione, da un lato, e, dall’altro, sul riconoscimento dei risultati raggiunti.

Dipendenti, dirigenti, manager, stakeholder saranno coinvolti cioè in percorsi formativi dedicati a questioni di genere, empowerment femminile, inclusione in ambito lavorativo-professionale.

Delle “pillole” di questi percorsi saranno messe a disposizione anche a fornitori e clienti Coop.

Related posts:

  1. Parità di genere: Barilla è la prima azienda italiana a vincere il Catalyst Award
  2. The Tampon Book: il libro con dentro 15 assorbenti ha avuto grande successo in Germania
  3. Rapporto Coop: il 2021 l’anno che verrà in collaborazione con Nomisma
  4. Il rebranding di Victoria’s Secret si focalizza su «ciò che vogliono le donne»: così scompaiono gli angeli e si punta all’inclusione