Cosa c’è sulla tua tavola per Natale? Te lo dice Supermercato24

Dic 23rd, 2019 | Di Redazione | Categoria: CATEGORIA B


Cena della Vigilia o pranzo del 25 dicembre? Qualunque sia la tradizione seguita per i festeggiamenti, una cosa è certa: da Nord a Sud, non c’è Natale senza tavola imbandita. Lo conferma Supermercato24 – il marketplace italiano della spesa online con consegna in giornata, anche entro un’ora – che ha rilevato come ben l’11,5% dello shopping fatto dagli italiani nel corso dell’anno si concentri nelle 3 settimane di dicembre precedenti il Natale.

C’è chi osserva un menù “di magro”, chi si concede insaccati a volontà, chi opta per zuppe saporite o finger food: indipendentemente dalle portate che sfilano in sala da pranzo, due punti fermi accomunano le abbuffate. Non (solo) il proposito di tagliare le calorie dopo le feste, ma il tintinnio dei bicchieri. E, infatti, la categoria più acquistata dagli italiani in questo mese, è proprio quella che comprende acqua, bibite e alcolici e che, da sola, costituisce ben il 12,54% della spesa effettuata online a dicembre.

Nel Belpaese, sulla lista natalizia, spiccano al secondo posto formaggi e salumi (11,84%), perfetti sia come apripista di pranzi e cene, sia come ingredienti di ricette più complesse.

Per tutto l’anno, dicembre compreso, i prodotti caseari che proprio non possono mancare nel carrello degli italiani sono le fettine confezionate di formaggio a pasta fusa, la mozzarella, il grana grattugiato e lo stracchino, mentre il re degli affettati è il prosciutto crudo, seguito dal cotto.

Sulla tavola di Natale spuntano anche, naturalmente, molti prodotti salutari, come frutta e verdura fresche (10,39%). Supermercato24 spiega che nel carrello finiscono soprattutto banane, clementine e zucchine, ma non mancano nemmeno limoni, carote e finocchi.

Appena fuori dal podio delle categorie più acquistate in vista del Natale compaiono carne e pesce, che insieme costituiscono l’8,9% della spesa totale di dicembre.
I dati rivelano che, durante le feste, si preferiscono le pietanze di terra a quelle di mare: il pollo è in vetta, seguito da wurstel e hamburger di tacchino.

Ma che cosa fa lievitare lo scontrino degli italiani sotto Natale? Analizzando la spesa, Supermercato24 rileva che i prodotti più costosi aggiunti al carrello di dicembre sono le bollicine: per lo champagne e gli spumanti la spesa media del periodo vede un incremento del 40% rispetto agli altri mesi dell’anno.

A pesare sul conto prefestivo anche i cesti di specialità natalizie, graditissima, comoda, ma spesso costosa idea regalo, i salumi da banco (+10%) – in particolare il culatello e la bresaola – e il carpaccio di salmone (+51%). Ma anche chi ama i crostacei deve fare i conti con uno scontrino più salato (la spesa media triplica rispetto agli altri mesi).

Quando si tratta di fare la spesa per la tavola natalizia, gli italiani preferiscono organizzarsi per tempo. Ben un terzo degli acquisti (32,6%) viene fatto con anticipo, entro la metà di dicembre.

I nostri connazionali riempiono le dispense soprattutto di frutta e verdura, oltre che di formaggi e salumi; seguono dolciumi e snack. Per quanto riguarda la prima categoria, la scelta ricade principalmente su frutti come banane e clementine, che, se conservati correttamente o acquistati a un grado di maturazione non avanzato, promettono di conservarsi a lungo.

Nessun pericolo di scadenza ravvicinata anche per i prodotti top delle altre due categorie, ossia le fettine di formaggio confezionate, da un lato, e le creme spalmabili alle nocciole e al cacao.

“L’amore degli italiani per il cibo non va mai in vacanza, anzi: quale migliore occasione delle feste natalizie per mettersi a tavola e lasciarsi andare a qualche peccato di gola? - commenta Federico Sargenti, amministratore delegato di Supermercato24 -.

Tra code alle casse e supermercati affollati, però, lo stress è in agguato anche a Natale. È proprio in periodi intensi come questo che la nostra piattaforma si conferma un prezioso alleato per organizzare al meglio rimpatriate in famiglia e cene con gli amici. Che si decida di fare la spesa con anticipo, o si abbia bisogno di un’aggiunta last minute, gli italiani possono contare sui nostri shopper esperti”.

Related posts:

  1. Che dice lo studio Ipsos sul Natale 2019
  2. I regali di Natale delle aziende: salgono vino e dolci, scendono i viaggi
  3. Panic Saturday: lo shopping di Natale per i ritardatari
  4. Cosa dicono i trend dell’influencer marketing 2020 sulla maturità del settore?