Cosa Hanno In Comune Il Gioco Delle 3 Carte ed Il Marketing Invisibile?

Gen 23rd, 2021 | Di Redazione | Categoria: CATEGORIA B, Marketing


Elementare Watson, le leggi dell’imitazione!

Ben oltre un secolo fa, lo psicologo Gabriel Tarde dimostrò che LE NOSTRE SCELTE (innanzitutto economiche) derivano dal CONTAGIO DELLE IDEE E DAI COMPORTAMENTI IMITATIVI.

Nel 19° secolo, i venditori ambulanti inglesi andavano di città in città pagando un gruppetto di persone, shills (imbonitori) che creavano folla davanti al banco. Per imitazione, la gente affollava il banco e gli affari prosperavano.

Il banchetto del gioco delle 3 carte si basa sullo stesso meccanismo. Oltre ai pali che monitorano il pollo in arrivo, abbiamo numerosi shills (esche) che fanno finta di puntare perdendo (poco) e vincendo (molto), creando la necessaria folla attira-polli.

Ed ecco che arriva il “bischero”, il quale inizialmente osserva curioso e poi spinto dall’emulazione fa la sua puntata e poi la successiva, alzando la posta in gioco fino a perdere tutto.

E quando la TV vi mostra giovincelli da giorni in fila in attesa dell’ultimo modello dello stesso telefonino, costoro si sono soltanto guadagnati il pane quotidiano.

E quando i media vi raccontano che una celeberrima cantante pop è scesa in una via del centro a fare shopping… beh, la signora non è venuta a spendere i suoi soldi, lei è lì a guadagnarseli, spiegando a chi i soldi se li deve guadagnare lavorando sul serio quanto sia ammirevole, piacevole, divertente attraversare l’Oceano Atlantico pur di acquistare stracci colorati e carabattole varie.

scritto da Vincenzo Freni

Per info e consulenze:
frenimkt@frenimkt.com
www.freniricerchedimarketing.com

Related posts:

  1. Il mondo del marketing va raccontato: cosa hanno in comune acquisti e rituali?
  2. Scopriamo alcune delle peggiori operazioni di marketing e pubblicità della storia di celebri brand che hanno fatto flop.
  3. Advergame: il gioco nelle strategie di marketing
  4. Il Marketing della Pazzia: come la psichiatria rende il mondo schiavo delle droghe